LaPresse/Giuseppe Pipita

Bufera sulla curva della Lazio dopo il volantino sessista circolato prima del match contro il Napoli: Carolina Morace, ex calciatrice italiana, ha commentato l’accaduto con parole durissime

“Nelle prime file della curva non vogliamo donne, mogli e fidanzate”, recita più o meno così un volantino fatto circolare dalla curva della Lazio prima della sfida di sabato sera contro il Napoli. La curva è sacra e va onorata, “alle donne è concesso sedersi dalla decima fila in poi”. Un comportamento sessista e bigotto che ha generato una grande polemica, vista la grande presenza del tifo femminile in tutti gli stadi d’Italia. L’ex calciatrice ed attualmente allenatrice dell’Associazione Calcio Milan Femminile, Carolina Morace, ha speso parole durissime in merito all’accaduto: “siamo nel Medioevo. Queste cose non le tollero più, non sono giustificabili. Io sono legata ai tifosi laziali, sono stata a lungo in biancoceleste e so che la maggioranza è costituita da un pubblico corretto e passionale. Questa iniziativa però, presa da un gruppetto di pochi, la trovo una cosa fuori dai tempi. Si tratta certo di qualche idiota. Siamo nel 2018, sono tantissime le donne tifose, i club negli anni hanno fatto molte campagne per avvicinare le donne al calcio. Spero vivamente che a questa gente venga vietato l’accesso allo stadio“.