LaPresse/Moro Francesco

L’Atalanta domina la partita di andata dell’ultimo turno di qualificazione ai gironi di Europa League, ma il Copenaghen non crolla: decisiva la sfida di ritorno in Danimarca

La ‘dea bendata’ non sorride alla ‘Dea’ nerazzurra, Atalanta sfortunata nella sfida d’andata dell’ultimo turno di qualificazione ai gironi di Europa League. Bergamaschi che dominano la partita, ma senza riuscire a trovare il modo di abbattere il muro eretto dal Copenaghen, abile a chiudersi in difesa. Chiaro, anzi chiarissimo il piano tattico dei danesi: blindare la porta di un Jesse Joronen in giornata di grazia per provare a giocarsi tutto al ritorno in casa. La retroguardia danese regge l’urto, complice un gol annullato per fuorigioco a Barrow, diverse occasioni mancate per un soffio dal Papu Gomez e Zapata con le polveri bagnate. Inutile il 57% di possesso palla e i 27 tiri a 2 per l’Atalanta, magra consolazione visto lo 0-0. L’accesso ai gironi di Europa League verrà dunque deciso al ritorno, nel quale è lecito aspettarsi un Copenaghen più offensivo e un’Atalanta pronta a sfruttare ogni opportunità utile per entrare in Europa.