Foto Lapresse

Tour de France, classifica dei big già ribaltata nella prima tappa per cadute e forature: ritardo clamoroso per Froome e altri favoriti per la vittoria finale

Il Tour de France esplode subito nella prima tappa appena conclusa a Fontenay-le-Comte: a causa di numerose cadute, Froome e altri grandi big sono arrivati al traguardo attardati nella frazione in cui un fantastico Gaviria entra nell’olimpo dei grandi velocisti con il suo primo successo di tappa al Tour de France ad appena 23 anni in volata, dopo le 4 frazioni vinte lo scorso anno al Tour. Battuto persino il Campione del Mondo Peter Sagan, secondo al traguardo: adesso il giovanissimo colombiano indossa sia la maglia gialla che la maglia verde, che domani a La Roche-sur-Yon tenterà a difendere in un’altra volata che si prospetta spettacolare.

Ma è clamoroso quanti big siano arrivati pesantemente attardati al traguardo: addirittura Chris Froome, Richie Porte e Adam Yates hanno perso 51 secondi, mentre Nairo Quintana per colpa di una foratura ha pagato un ritardo di  1 minuto e 15 secondi. Distacchi pazzeschi per una tappa completamente pianeggiante!

Ottimo Vincenzo Nibali, invece, che ha persino tenuto il treno della volata giungendo al traguardo 11°, tra i primissimi. Con il suo stesso tempo appena 62 corridori, tra cui i migliori sono Fuglsang, Thomas, Jungels, Dumoulin, Landa, Bardet, Valverde, Mollema, Kruijswijk, Zakarin e Uran.

Il Team Bahrain-Merida di Nibali è anche arrivato 4° nella classifica a squadre piazzando Colbrelli 20° e Koren 30°, mentre il Team Sky è andato allo sbaraglio con un ritardo di 2′ e 06” complessivo ma soprattutto con una squadra intera in ritardo. Soltanto Thomas è arrivato con i migliori, tutti gli altri addirittura dietro Froome con Bernal a 1′ e 15”, Moscon a 1′ e 38”, Kwiatkowski a 2′ e 24”, Poels a 2′ e 44” e infine Jonathan Castroviejo addirittura penultimo con 7′ e 48” di ritardo. Non certo un buon segno in vista della cronosquadre di Lunedì, di certo comunque vada non vedremo tanti uomini della Sky in testa alla classifica generale dopo la prova contro il tempo di dopodomani come in molti temevano. Per Froome e compagni inizia un Tour subito in salita.

Tour de France, Gaviria da record: il talento colombiano sul tetto del mondo a 23 anni, “adesso voglio tenere questa maglia il più possibile”