simone consonni
Credits: @simone consonni

Simone Consonni analizza la sua prestazione realizzata nella sesta tappa della Tirreno-Adriatico

Simone Consonni, giovane sprinter della UAE Team Emirates, medaglia di bronzo nella specialità Omnium ai recenti campionati del mondo su pista ad Apeldoorn in Olanda, si è classificato all’ottavo posto nello sprint vinto dal tedesco Marcel Kittel della Katusha-Alpecin davanti al campione del mondo Peter Sagan della Bora Hansgrohe e all’argentino Max Richeze della Quick-Step Floors. In classifica generale sempre leader il polacco Michal Kwiatkowski del Team Sky. Fabio Aru ha guadagnato due posizioni dopo la sfortunata caduta avvenuta negli ultimi chilometri che ha coinvolto alcuni uomini di classifica. Simone Consonni ha cercato di inserirsi nella lotta per la tappa, ma alla fine si è accontentato dell’ottavo posto. L’ultima frazione di questa 53ª edizione della Tirreno-Adriatico, una cronometro individuale di 10,5 chilometri con partenza e arrivo a San Benedetto del Tronto sarà decisiva per la maglia azzurra. Il velocista dell’UAE Team Emirates ha analizzato la sua prestazione:

“la velocità era altissima nel finale di tappa. Ho preso la volata un po’ indietro e non ho potuto fare altro che saltare solo alcuni dei corridori che mi precedevano”.