MotoGp, Test Qatar – La Yamaha ritrova il sorriso a Losail, l’analisi di Meregalli: “è stato un duro giorno di lavoro, ma i risultati ci sono”

SportFair

Maio  Meregalli positivo e fiducioso al termine della prima giornata di test in Qatar: le sensazioni del team director Yamaha

Vinales Rossi
LaPresse/EFE

Si è conclusa ieri pomeriggio, alle 19.00 italiane, la prima giornata di prove sul circuito di Losail, in Qatar. I piloti della MotoGP sono scesi in pista per un unico turno di otto ore, terminato sotto i riflettori che illumineranno il tracciato alle porte di Doha anche domenica 18 marzo per la gara di apertura del Campionato Mondiale MotoGP 2018. Maverick Vinales ha chiuso col miglior tempo, seguito da Dovizioso e Iannone. Entrambi i piloti del Ducati Team hanno sfruttato al meglio la sessione per effettuare prove comparative con le diverse configurazioni aerodinamiche a loro disposizione e per testare alcuni nuovi particolari sulle Desmosedici GP versione 2018. Aria rilassata in casa Yamaha, con Vinales davanti a tutti e Rossi settimo, con lo stesso identico tempo di Alex Rins. Fiducia e ottimismo quindi all’interno del team di Iwata. Ecco l’analisi del team director Maio Meregalli al termine della prima giornata di test:

“è stato un lungo giorno di lavoro, ma i risultati ci sono. Dopo i difficili test in Thailandia volevamo iniziare questi test nel modo giusto, specialmente perchè daremo il via alla stagione proprio qui in Qatar tra un paio di settimane. Entrambi i piloti si sono sentiti meglio sulla moto rispetto a Buriram, sin dall’inizio della sessione di oggi. La base del set-up ha lavorato bene da quando siamo partiti e abbiamo potuto ottenere una buona velocità e costanza per tutto il giorno. Come sempre, pensiamo che abbiamo ancora margine di miglioramento in termini di telaio ed elettronica. Maverick in testa e Valentino vicino alla vetta dei tempi è un inizio positivo.