LaPresse/Photo4

La Ferrari ha analizzato a fondo la monoposto di Raikkonen, individuando il problema che non gli ha permesso di prendere parte al Gp della Malesia

Una giornata nera, una domenica completamente da dimenticare per Kimi Raikkonen costretto a ritirarsi prima della partenza del Gp della Malesia. Una disdetta per il pilota finlandese che, partendo dalla seconda fila, avrebbe potuto certamente lottare per la vittoria, vista la competitività della sua monoposto.

LaPresse/Photo4

Purtroppo, Kimi non è riuscito nemmeno a vedere l’accensione dei semafori, presumibilmente per lo stesso guasto che ha obbligato Vettel a non prendere parte alle qualifiche del sabato. Il guasto sulla macchina del tedesco ha riguardato un particolare del compressore del turbo, cioè del condotto che porta l’aria aspirata dal compressore nel cassoncino di aspirazione del motore. Questo pezzo avrebbe ceduto, forse per un difetto di fabbricazione. Resta da valutare se il problema sia collegato a quello presentatosi sulla Ferrari di Raikkonen, un’analisi che potrebbe spiegare il medesimo guasto su due componenti con chilometraggi completamente diversi. Una risposta potrebbe essere data dalla nuova presa dinamica del motore introdotta in Malesia e alle sua canalizzazioni, ma saranno fondamentali i prossimi giorni per capirne certamente di più.