LaPresse/Reuters

Chris Froome svela i suoi metodi di allenamento. Il ciclista del team Sky non smette mai di sorprendere

Che Chris Froome sia una persona precisa e metodica negli allenamenti lo si sapeva, ma che si spingesse anche oltre no. Il vincitore del Tour de France e della Vuelta di Spagna ha raccontato alcuni particolari sui suoi metodi di preparazione alle grandi corse a tappe e a quelle di solo un giorno: “mi ero convinto che allenarsi una sola volta al giorno fosse una cosa stupida così ho provato un’esperienza nuova: allenarmi, mangiare, dormire, allenarmi, mangiare e dormire, ignorando del tutto il passaggio dal giorno alla notte e viceversa. Rientravo alle 2 di notte, mi nutrivo, prendevo sonno, mi alzavo alle 8 e ripartivo per altre 6 ore di allenamento. Mi sono anche ritrovato a pedalare di notte e a dormire di giorno, come un vampiro – ha dichiarato Chris Froome come riportato da La Gazzetta dello Sport -. Ma ho resistito una settimana, poi sono crollato. Ho capito che non era salutare. Tutti gli errori che ho commesso sono stati parte del processo che mi ha portato a essere quello che sono, mi sono stati utili per crescere. Ho dovuto provare cose stupide e anche ridicole: nei miei allenamenti, nel mio modo di andare in bici, nel mio stile di vita”.