EuroBasket 2017, Ettore Messina fa il punto della situazione dopo la terza gara della kermesse europea: ecco il pensiero del ct su Lituania, Germania e infortunio di Melli

L’Italia affronta il secondo giorno di riposo del girone B con due vittorie (Israele e Ucraina) e una sconfitta (Lituania). Una tabella di marcia che, anche alla luce degli altri risultati del raggruppamento, mette gli Azzurri nella condizione di poter far conto esclusivamente sulle proprie forze. Domani e dopodomani i match decisivi contro Germania e Georgia. Due partite che determineranno non soltanto il passaggio del turno ma anche il piazzamento all’interno del girone e il conseguente accoppiamento per gli ottavi di finale a Istanbul.

Stiamo facendo tante buone cose – ha detto questa mattina coach Messina – anche se non siamo ancora qualificati. I risultati che si sono succeduti in queste prime tre giornate hanno ingarbugliato il girone ma ora possiamo ancora lottare per un buon piazzamento. Domani contro la Germania sarà una sorta di spareggio. Loro sono una squadra di grande taglia con lunghi dalla doppia dimensione e il talento di Dennis Schröder. Noi dovremo controllare i rimbalzi, tornare in difesa e non concedere canestri facili. Le condizioni di Melli? Il nostro staff medico sanitario è fiducioso circa la possibilità di averlo in campo già domani. Per quanto riguarda la gara persa ieri contro la Lituania devo dire che nel secondo quarto siamo stati un po’ leziosi in attacco e, complici anche un paio di tiri forzati, non siamo stati in grado di segnare come nelle altre frazioni. Onestamente devo dire che dopo le partite con Belgio e Francia al torneo di Tolosa è suonato il campanello di allarme. Poi ad Atene invece ci siamo ricompattati facendo tre buone partite. Ora la squadra ci crede, è determinata e lo si è visto ieri contro i lituani: con l’uscita di Melli i ragazzi avrebbero potuto mollare. Invece ci hanno creduto fino alla fine e con qualche errore in meno nel finale… Dentro la testa siamo vivi”.