L’ottava tappa del Giro d’Italia è adatta ai fuggitivi e ai passisti, anche se la salita di Monte Sant’Angelo potrebbe esser teatro di un attacco importante per la maglia azzurra

L’ottava tappa del Giro d’Italia è suddivisa in varie parti: la prima pianeggiante, mentre la seconda è leggermente complicata. Importante sarà la salita di Monte Sant’Angelo (10 chilometri con pendenza media del 7%) e i ciclisti che ambiscono alla maglia azzurra attaccheranno per conquistare punti importanti per la classifica scalatori. I corridori affronteranno una discesa di 18 chilometri per poi salire verso Coppa Santa Tecla (GpM di quarta categoria) che potrebbe ricompattare il gruppo dei fuggitivi.

Il finale è molto articolato. A 5 chilometri da traguardo inizia una discesa di 2 chilometri seguita da un tratto pianeggiante. A 1.5 chilometri dal traguardo, ci sarà l’importante salita verso Peschici con pendenze medie del 4.5% e punte massime del 12%.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE