Chi c’è dietro la vittoria di Francesco Gabbani a Sanremo? Il genio di Fabio Ilacqua, il paroliere che spiega il significato di ‘Occidentali’s Karma’

Significato ‘Occidentalis’ Karma’: chi è Fabio Ilacqua? – Un po’ agricoltore nel terreno di famiglia, un po’ pittore e falegname nello studio della sua casa in provincia di Varese e nel tempo libero gli capita anche di scrivere poesie e canzoni, e magari vincere Sanremo, due volte! Si chiama Fabio Ilacqua ed è l’artefice di ‘Occidentali’s Karma’ la canzone che ha permesso a Francesco Gabbani di vincere Sanremo 2017, bissando il successo dell’anno precedente nei giovani con ‘Amen’.

Il duo che ha sbaragliato la concorrenza nella kermesse musicale ligure degli ultimi due anni si è incontrato quasi per caso: “un amico ci ha messi in contatto – racconta Fabio in un intervista al ‘Corriere della Sera’ – e abbiamo cominciato a scrivere insieme, lui la base e io i testi. È venuta fuori Amen che poi ha vinto Sanremo nel 2016. Subito dopo Occidentali’s Karma”.

Significato ‘Occidentalis’ Karma’: il messaggio – La nuova hit, all’apparenza poco più di un fresco e simpatico tormentone, nasconde un significato molto più articolato: “Occidentali’s Karma è un neologismo. Nasce dall’idea di lavorare su un testo sociale – ha spiegato Fabio –  Io tento di capire la morale, la cultura dell’uomo occidentale e dove porta quello che sta seminando l’Occidente. Cinicamente direi che la direzione non va bene”.

Sia sul palco, che nel testo, ritorna spesso la figura cardine della canzone, ‘la scimmia’ (che balla nuda!) e ha un riferimento tutt’altro che goliardico. “Nasce dalla lettura di ‘La scimmia nuda’ dell’antropologo Desmond Morris – ha dichiarato Fabio – Tra le 193 specie di scimmie, l’uomo è l’unica scimmia a non essere provvista di pelo. Mi ha fatto venire in mente una poesia di Quasimodo, ‘Uomo del mio tempo‘ che dice sei ancora l’uomo della pietra. Quindi siamo questo: in giacca e cravatta, con i cellulari, crediamo di aver sconfitto la Natura. In realtà siamo nelle caverne perché gli istinti della competizione sono rimasti gli stessi”.

Significato ‘Occidentalis’ Karma’: l’impronta di Fabio – Nel testo di ‘Occidentali’s Karma’ si rispecchia fortemente la figura di chi l’ha composto: Fabio si definisce a suo modo ‘uomo del neolitico’ visto che preferisce non avere iPad-Ipod-Smartphone-Facebook; si ispira al genio di Pasoliniè stato un grandissimo artista che ha visto le cose prima che accadessero” e alla significativa filosofia musicale di grandi cantautori della musica italiana come Guccini, De André, Fossati, Conte, Matteo Salvatore e Bertoli, quella delle emozioni e del pensiero critico, ciò che in ‘Occidentali’s Karma’ manca agli uomini contemporanei.

E su una sua possibile partecipazione a Sanremo come cantante, Fabio taglia corto: “no, perché la vita è una brevissima festa nella quale devi bere bene, stare sereno, in compagnia e cercare di capire qualcosa. Prima e dopo non c’è nulla. Risultato: cosa m’importa di mettermi in mostra? Da ateo dico che questo è il mio senso religioso della vita”. E allora ‘Amen’, ops… “Namastè ale”!

Leggi anche: “significato ‘Occidentali’s Karma’ – Schiaffo ironico a una società ‘scimmiesca’ e asettica: sicuri che sia ‘solo un tormentone’?”