LaPresse/Photo4

Intervenuto sulla questione Gp di Silverstone, Damon Hill ha espresso il suo parere e indicato la strada da seguire

Lo storico circuito di Silverstone potrebbe dire addio alla Formula 1. Il rischio è concreto e si sta materializzando proprio in questi mesi, durante i quali gli organizzatori di una delle gare più affascinanti del Mondiale si stanno accorgendo di non poter far fronte alle ingenti spese di organizzazione.

LaPresse/Photo4
LaPresse/Photo4

Le gare di Formula 1 sono sempre più un affare di Stato, dal momento che la scarsa affluenza del pubblico sulle tribune porta ovviamente ad un flop in termini di economia locale. Il grido d’allarme è stato lanciato da Damon Hill, il quale ha fotografato al meglio la situazione: “questo è un evento nazionale molto amato – ha spiegato Hill a Motorsport.com – ma per qualsiasi motivo è sempre stato molto difficile ottenere finanziamenti da parte del governo. Forse è arrivato il momento di guardare al Gran Premio di Gran Bretagna nel contesto di ciò che accade altrove, e rendersi conto che si tratta di una vetrina a buon mercato per pubblicizzare la nostra bandiera nel mondo. Quando pensiamo al post-Brexit, credo che questa opportunità sia tra quelle in cui dobbiamo investire per mostrare al mondo ciò che sappiamo fare. I proprietari di Silverstone hanno svolto un ottimo lavoro nel portare il pubblico sulle tribune, ma nessuno ne ha ricavato un profitto economico. Come evento sportivo nazionale, il Gran Premio di Gran Bretagna credo che dovrebbe beneficiare di una sorta di contributo da parte del paese”.