• LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Daniele Badolato
    LaPresse/Daniele Badolato
  • LaPresse/Daniele Badolato
    LaPresse/Daniele Badolato
  • LaPresse/Daniele Badolato
    LaPresse/Daniele Badolato
  • LaPresse/Daniele Badolato
    LaPresse/Daniele Badolato
  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Francesca Soli
    LaPresse/Francesca Soli
  • LaPresse/Francesca Soli
    LaPresse/Francesca Soli
  • LaPresse/Francesca Soli
    LaPresse/Francesca Soli
  • LaPresse/Spada
    LaPresse/Spada
  • LaPresse/Daniele Badolato
    LaPresse/Daniele Badolato
/

Il rigore di Higuain illude la Juventus, Tolisso rovina la festa: il Lione raggiunge i bianconeri a 5 minuti dalla fine

LaPresse/Daniele Badolato
LaPresse/Daniele Badolato

Juventus-Lione, il prepartita – La musica è inconfondibile, l’atmosfera è quella delle grandi occasioni, il quarto match del Gruppo H di Champions League mette in palio subito punti decisivi: allo Juventus Stadium di Torino, si affrontano Juventus e Lione. I bianconeri cercano i 3 punti per mettere in ghiaccio la qualificazione e mister Allegri si affida a Sturaro e Marchisio in mediana, con Pjanic alle spalle di Higuain e Mandzukic. Il Lione ha bisogno di una vittoria per restare attaccato al treno qualificazione, complice il match del Siviglia in casa contro la modesta Dinamo Zagabria. I francesi si affidano alla coppia tutta velocità e fantasia davanti, composta da Fekir e Lacazette.

LaPresse/Daniele Badolato
LaPresse/Daniele Badolato

Juventus-Lione, il racconto del primo tempo – Nel primo tempo la Juventus prende in mano il pallino del gioco stando attenta a non farsi soprendere dalla rapidità degli attaccanti francesi. I bianconeri sbloccano il risultato al 13′: Higuain ruba palla a centrocampo e si invola verso l’area avversaria, arrivato al limite serve l’accorrente Sturaro che viene abbattuto da Diakhabi, per l’arbitro è rigore. Dal dischetto si presenta El Pipita che non sbaglia. Poco dopo è ancora la Juve a rendersi pericolosa con un gran destro da fuori di Marchisio finito fuori di poco. La Juventus gestisce il vantaggio, il Lione non riesce a far male e si va a riposo sull’1-0.

LaPresse/Spada
LaPresse/Spada

Juventus-Lione, il racconto del secondo tempo – Nel secondo tempo il match stenta a decollare, la Juventus difende compatta, il Lione non sembra avere le armi giuste per impensierire i bianconeri che vanno vicini al raddoppio con Mandzukic, impreciso su una conclusione dal limite dopo una splendida sponda di Pjanic. La Juventus gestisce bene le sfuriate del Lione, mai davvero pericoloso, e i difensori bianconeri reggono bene l’urto. Almeno fino all’85: un fallo di Marchisio regala una punizione dalla trequarti ai francesi. Dal cross sbuca Tolisso che di testa anticipa tutti e fa 1-1. Pareggio che sa di beffa: finisce 1-1 allo Stadium, qualificazione ancora non al sicuro per la Juve.