Destroyer Ruiz, demolito Joshua al Madison Square Garden: il messicano si prende le tre corone

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

/

Sconfitta sorprendente per Anthony Joshua, demolito per KOT da Andy Ruiz Jr e costretto a cedere le cinture WBA, IBF e WBO

Una serata tremenda, una sconfitta cocente che difficilmente Anthony Joshua dimenticherà tanto facilmente. Il pugile inglese perde le sue tre corone in una volta sola, sconfitto alla settima ripresa per tko da Andy Ruiz Jr.

AFP/LaPresse

Un notte di grande Boxe a New York per il debutto americano di Joshua, al primo match oltreoceano. Non poteva esserci location migliore del Madison Square Garden, il tempio della Boxe statunitense per accogliere il campione WBA, IBF e WBO, cinture messe in palio contro Andy Ruiz jr. Inizialmente lo sfidante sarebbe dovuto essere Jarrell Miller, ma il 30enne di Brooklyn ha fallito un test antidoping. Joshua ha comunque preso sul serio Ruiz, sfidante ‘dell’ultimo minuto’, ma che ha paragonato addirittura a Fury e Wilder. Del resto Ruiz vanta 32 vittorie (21 delle quali per ko) e appena una sconfitta in 33 incontri disputati, avvenuta contro Joseph Parker nel match per il titolo vacante WBO. Cintura poi soffiata a Parker proprio da Anthony Joshua, ironia della sorte. Al di là dell’aspetto fisico ‘in carne’, il messicano ha le qualità e l’esperienza (140 incontri disputati fra dilettanti e professionisti, Joshua solo 60) per stare sul ring con il campione.

AFP/LaPresse

Il match non ha deluso le attese anzi, ha addirittura ribaltato i pronostici della vigilia! Davvero in pochi avrebbero puntato 1 dollaro su Andy Ruiz jr. che è invece riuscito a strappare le 3 corone ad Anthony Joshua. Ruiz ha vinto l’incontro nel corso del settimo round, mandando al tappeto il proprio avversario per la quarta volta (due alla seconda ripresa e due alla settima). Il signor Mike Griffin a quel punto non ha potuto far altro che alzare in alto il braccio di Ruiz, che corona così il sogno di essere il primo pugile messicano a diventare campione del mondo. Per Joshua resta l’amarezza di aver subito una cocente sconfitta sul palcoscenico più importante di tutti, con Wilder e Fury spettatori interessati di un match che può cambiare le dinamiche future della boxe mondiale.

Valuta questo articolo

3.0/5 da 6 voti.
Please wait...
About Mirko Spadaro (15417 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 9 agosto 1993 è un esperto di basket e calcio, ama tutti gli sport a 360 gradi. Scrive su SportFair dal 2016


FotoGallery