“Papà e mamma, questa vittoria è per voi”, Toronto Raptors: la tragica coincidenza che accomuna Leonard, Siakam, VanVleet e Ibaka

LaPresse/EFE

C’è una tragica coincidenza che accomuna gran parte dei Toronto Raptors: i più grandi protagonisti della cavalcata verso il titolo NBA, hanno perso un genitore da giovani

Spesso capita che lo sport regali un’occasione di riscatto, o comunque una chance per ‘chiudere il cerchio‘, ottenere il giusto premio per i sacrifici di una vita, trovare il senso di sofferenze e difficoltà attraverso le quali si è passati per poi arrivare a vincere una partita, un titolo, un trofeo che farà scendere dolci e calde lacrime. Lo sanno bene i Toronto Raptors, da ieri notte nuovi campioni NBA. Alcuni membri della franchigia canadese infatti, condividono una tragica coincidenza che, a malincuore, li ha costretti a forgiare il loro carattere fin da giovanissimi: 4 dei protagonisti della cavalcata verso il titolo hanno perso un genitore.

  • Il padre di Kawhi Leonard è morto nel 2008, sparato nel suo autolavaggio di Compton in seguito ad una rapina, mentre il neo MVP aveva solo 17 anni: episodio che lo segnò profondamente, fino a farlo cadere in una sorta di ‘mutismo’.
  • Nel 2014, il padre di Pascal Siakam perse la vita in un incidente d’auto: il cestista camerunense non ebbe la forza di andare ai funerali per paura di non riuscire a tornare in America a causa di problemi con il passaporto e perdere il diritto allo studio e la carriera sportiva negli USA.
  • Dall’età di 5 anni, Fred VanVleet ha vissuto senza un padre (prima che la madre si risposasse). Il genitore è morto nel 1999, in seguito ad un ‘affare di droga’
  • Quando aveva 8 anni Serge Ibaka ha perso la mamma, prima di affrontare le tragedie della guerra civile in Congo

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
About Mirko Spadaro (15893 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 9 agosto 1993 è un esperto di basket e calcio, ama tutti gli sport a 360 gradi. Scrive su SportFair dal 2016
Contact: Website


FotoGallery