Sanremo 2019 – Mahmood, il significato di ‘Soldi’: il rapporto con il padre, affetto e materialità in una storia di periferia [TESTO]

Matteo Rasero/LaPresse

Mahmood vince il Festival di Sanremo 2019 con ‘Soldi’, una storia personale che racconta il rapporto travagliato con il padre tra mancanza di affetto e materialità sullo sfondo della periferia

La settimana più attesa dal panorama musicale italiano è volta al termine ieri notte, con la puntata finale del Festival di Sanremo 2019. Il classico appuntamento del sabato sera ha tenuto incollati alla tv milioni di italiani, regalando un verdetto finale che, come spesso accade in questi casi, non ha mancato di generare diverse polemiche.

Matteo Rasero/LaPresse

A vincere è stato Mahmood, giovane artista italo-egiziano capace di sbaragliare la concorrenza dei favoritissimi Ultimo e Il Volo, grazie al suo sound RnB che strizza l’occhio alla trap (ha collaborato con Guè Pequeno, duettando anche sul palco dell’Ariston) e si connota di influenze africane nella modulazione della voce, restituendo un italiano-arabo figlio della nostra società multiculturale, che genera novità e funziona all’orecchio. La produzione di Dario Faini (Dardust) e Charlie Charles fa nuovamente centro, ma ormai di questo non ci si stupisce più.

Matteo Rasero/LaPresse

Mahmood, che di vero nome fa Alessandro ed è nato a Milano 27 anni fa, ha vinto la 69ª edizione del Festival di Sanremo presentando la canzone ‘Soldi’, seguito ideale della vincitrice di Sanremo Giovani 2018 ‘Gioventù Bruciata’. Il brano, che rappresenterà l’Italia all’Eurosong Contest di 2019 di Tel Aviv, racconta di uno spaccato di periferia, nel quale una famiglia mista come quella del cantante (madre sarda e padre egiziano) si ritrova a vivere quando il padre sceglie di andare via da casa e abbandonare per sempre le loro vite.

Matteo Rasero/LaPresse

I soldi perdono ben presto il loro significato materiale per diventare contrapposizione metaforica del vuoto lasciato dall’assenza dell’uomo nei protagonisti: dalla sofferenza della madre, illusa per la storia d’amore finita (Mamma stai tranquilla sto arrivando, Te la prenderai per un bugiardo, Ti sembrava amore era altro); a quella dello stesso Mahmood che riprende più volte nel testo due immagini fondamentali della sua vita, l’infanzia e l’età matura.

Matteo Rasero/LaPresse

In questo senso la strofa: “’Waladi waladi habibi ta’aleena’, mi dicevi giocando, giocando con aria fiera ‘Waladi waladi habibi’ sembrava vera”, impreziosita dal testo in arabo che significa “Figlio mio, figlio mio, amore, vieni qua”, rievoca un dolce ricordo, messo in dubbio in età adulta quando l’immagine del padre si configura con quella di un uomo del quale non ci si può fidare: “beve champagne sotto Ramadan e fuma narghilè”, “Penso più veloce per capire se domani tu mi fregherai. Non ho tempo per chiarire perché solo ora so cosa sei”.

Testo Mahmood ‘Soldi’:

[Strofa 1]

In periferia fa molto caldo

Mamma stai tranquilla, sto arrivando

Te la prenderai per un bugiardo

Ti sembrava amore ma era altro

Beve champagne sotto Ramadan

Alla TV danno Jackie Chan

Fuma narghilè, mi chiede come va

[Pre-Ritornello]

Mi chiede come va, come va, come va

Sai già come va, come va, come va

Penso più veloce per capire se domani tu mi fregherai

Non ho tempo per chiarire perché solo ora so cosa sei

È difficile stare al mondo

Quando perdi l’orgoglio

Lasci casa in un giorno

Tu dimmi se

[Ritornello]

Pensavi solo ai soldi, soldi

Come se avessi avuto soldi, soldi

Dimmi se ti manco o te ne fotti, fotti

Mi chiedevi come va, come va, come va

Adesso come va, come va, come va

[Strofa 2]

Ciò che devi dire non l’hai detto

Tradire è una pallottola nel petto

Prendi tutta la tua carità

Menti a casa ma lo sai che lo sa

Su una sedia lei mi chiederà

[Pre-Ritornello]

Mi chiede come va, come va, come va

Sai già come va, come va, come va

Penso più veloce per capire se domani tu mi fregherai

Non ho tempo per chiarire perché solo ora so cosa sei

È difficile stare al mondo

Quando perdi l’orgoglio

Ho capito in un secondo

Che tu da me

[Ritornello]

Volevi solo soldi, soldi

Come se avessi avuto soldi, soldi

Prima mi parlavi fino a tardi, tardi

Mi chiedevi come va, come va, come va

Adesso come va, come va, come va

[Bridge]

Waladi waladi habibi ta’aleena

Mi dicevi giocando, giocando con aria fiera

Waladi waladi habibi, sembrava vera

La voglia, la voglia di tornare come prima

[Pre-Ritornello]

Io da te non ho voluto soldi

È difficile stare al mondo

Quando perdi l’orgoglio

Lasci casa in un giorno

Tu dimmi se

[Ritornello]

Volevi solo soldi, soldi

Come se avessi avuto soldi, soldi

Lasci la città ma nessuno lo sa

Ieri eri qua, ora dove sei papà?

Mi chiedi come va, come va, come va

Sai già come va, come va, come va

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery