Rugby – Sei Nazioni, l’Italrugby pensa già all’Irlanda dopo il ko contro il Galles

Alfredo Falcone/LaPresse ALFREDO FALCONE

Le parole di alcuni degli azzurri  dopo il match dei Sei Nazioni 2019 contro il Galles: le parole di Dean Budd e Abraham Steyn

Termina il raduno dell’Italrugby a Roma. Gli Azzurri, dopo il secondo incontro nel Guinness Six Nations contro il Galles allo Stadio Olimpico di Roma nella giornata di ieri, nella mattinata odierna faranno ritorno ai propri club di appartenenza.

Non mancava di certo la voglia – ha dichiarato Dean Budd, seconda linea dell’Italrugby al termine della partita contro i gallesi nella zona mista post match – . Ci serve maggiore cinismo e sfruttare al meglio le occasioni che ci capitano. In vista dell’Irlanda dobbiamo continuare a lavorare duramente come in questa settimana passata e crescere più rapidamente”.

Siamo delusi. Abbiamo lavorato per portare a casa un risultato importante – ha esordito Abraham Steyn -. Sicuramente ci sono degli aspetti positivi in questo match. Ma ce ne sono altri dove dobbiamo puntare il focus. Uno in particolare la disciplina: abbiamo concesso qualcosa di troppo ai gallesi e a questo livello si può pagare. Non è impossibile, ma serve lavorare su quello che non ha funzionato in partita”.

“Essere arrabbiati è lecito. Ma dobbiamo provare a guardare in modo positivo verso il futuro. Non giochiamo mai per perdere. Ogni giorno ci aspetta sempre una nuova sfida importante. Giochiamo contro le squadre migliori al mondo e l’attenzione deve essere sempre massima”.

Nella giornata di martedì alle 12 verranno ufficializzate le convocazioni per il terzo match al Guinness Sei Nazioni 2019 in calendario domenica 24 febbraio alle 16 allo Stadio Olimpico di Roma contro l’Irlanda la cui preparazione partirà con il nuovo raduno azzurro in programma da domenica 17 a lunedì 25 febbraio.

 

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery