Il Milan supera il test di… Inglese: Parma ribaltato e quarto posto, Cutrone non fa rimpiangere Higuain

Spada/LaPresse

I rossoneri riescono a ribaltare l’iniziale svantaggio firmato Inglese, la volée di Cutrone e il rigore di Kessié regalano il quarto posto temporaneo al Milan

Quarto posto solitario, in attesa che la Lazio giochi a Verona contro il Chievo. Il Milan fa il proprio dovere e stende il Parma, prendendosi tre punti fondamentali nella corsa alla zona Champions League.

Spada/LaPresse

Tante le assenze per Gattuso, costretto ancora una volta a fare di necessità virtù in difesa e in attacco, con il forfait di Higuain che Cutrone cancella con una prestazione da urlo. L’attaccante rossonero sonnecchia nel primo tempo, ma si scatena al momento giusto della partita, pareggiando il gol segnato da Inglese ad inizio ripresa. La testata dell’attaccante avversario gela San Siro, pronto a riaccendersi qualche minuto dopo con la volée del giovane giocatore del Milan, al diciottesimo gol sotto la gestione Gattuso. Il rigore trasformato da Kessié qualche giro di lancetta più tardi, assegnato col Var per mani in area di rigore, permette ai rossoneri di centrare il bersaglio grosso, tornando a gustare una vittoria che mancava da quasi un mese. Merito di Gattuso, riuscito a trovare la quadra in una situazione davvero complicata, in cui ogni allenatore sarebbe andato in difficoltà.

Spada/LaPresse

Con pochi uomini a disposizione, invece, il tecnico rossonero estrae il coniglio dal cilindro, dando un chiaro segnale sia alla Lazio che alla Roma, impegnate contro Chievo e Inter nel corso della giornata. Menzione a parte infine merita Patrick Cutrone, autentico uomo in più di un Milan orfano di Gonzalo Higuain. Il giovane attaccante rossonero si prende sulle spalle l’intero attacco, inventandosi il gol dell’1-0 e propiziando il calcio di rigore decisivo segnato da Kessié. Una freccia velenosissima all’arco di Gattuso, della quale ormai l’allenatore calabrese non può più fare a meno.

Valuta questo articolo

5.0/5 da 1 voto.
Please wait...


FotoGallery