Lazio, Inzaghi teme la Sampdoria: “può metterci in difficoltà, siamo all’ultima salita e non possiamo sbagliare”

LaPresse/Fabrizio Corradetti

Simone Inzaghi ha parlato in conferenza della partita contro la Sampdoria, sottolineando come si tratti della prima di cinque finali

Siamo in corsa e dobbiamo rimanerci. Non siamo stati in corsa per 33 partite a caso. Dal primo giorno ad Auronzo abbiamo lavorato per questo. Ora siamo all’ultima salita, dovremo fare del nostro meglio“. L’allenatore della Lazio Simone Inzaghi chiede uno ultimo sforzo alla sua squadra in vista del finale di stagione che potrebbe riportare i biancocelesti nell’Europa che conta. La Lazio è terza con 64 punti insieme alla Roma, con l’Inter a una lunghezza:

“Siamo tre squadre in un punto che hanno fatto un ottimo cammino. La mia squadra cerca sempre di fare la partita e domani dovremo essere attenti perché la Samp può creare problemi se affrontata nel modo sbagliato. Conosco Giampaolo e lo stimo molto”.

Nella grande stagione della Lazio, sin qui miglior attacco della Serie A, uno dei pochi dati negativi è il numero dei gol subiti:

“Dobbiamo limitarli e stare attenti, anche domani giocheremo con una squadra brava in attacco. Dipende però tutto dalle partite, con la Roma abbiamo subito poco, a Firenze invece è stata una gara particolare. Stiamo comunque lavorando sul subire meno gol. L’assenza di Luis Alberto? Per noi è importantissimo, ma ho Caicedo e Felipe che stanno bene e anche Nani mi sta dando dei bei segnali. Parolo si è allenato stamattina, lui e Lulic hanno qualche problemino ma loro vogliono sempre esserci. Saranno tutti convocati eccezion fatta per i due squalificati e Patric”.

Il tecnico piacentino si augura in un grande apporto del pubblico:

“Penso che domani i nostri tifosi non ci faranno mancare il calore che la squadra merita. I ragazzi hanno dato il cuore e l’anima per la maglia, mi auguro di vedere un Olimpico come con il Salisburgo”.



FotoGallery