Miami Open – Kyrgios si ricorda di avere un talento da fenomeno: Fognini ko ai sedicesimi

LaPresse/Reuters

Fabio Fognini si arrende nei sedicesimi del Miami Open: il tennista azzurro ko contro Kyrgios ai sedicesimi di finale

Due caratteri forti, inclini ai ‘colpi di testa’ e un talento che meriterebbe molto di più di quanto lo scarno palmares mette in mostra tanto dall’una quanto dall’altra parte. La differenza principale è che Fabio Fognini ha 30 anni e per quanto sia il tennista più talentuoso d’Italia, difficilmente avrà davanti un futuro fatto di vittorie e grande soddisfazioni (e lo diciamo con grande rimpianto); Nick Kyrgios ha il talento innato per essere numero 1 e vincere quanti Slam la sua concentrazione e la sua testa vorranno. Lo scontro fra i due sembra sbilanciato verso l’australiano, nonostante tornasse da un infortunio, e così è stato. Fognini si è arreso al secondo turno del Miami Open (complicata la sua parentesi negli USA dopo il ko al primo turno ad Indian Wells) con il punteggio di 6-3 / 6-3. Kyrgios ha dimostrato ancora una volta che, quando gioca con convinzione, può essere davvero di un altro livello, nonostante il buon Fognini ci abbia provato. Il tennista aussie attende il vincitore di Zverev-Ferrer negli ottavi.



FotoGallery