Scandalo Weinstein, dalla denuncia di un’altra attrice italiana alle nuove orripilanti accuse di Asia Argento

Dopo Asia Argento un’altra attrice italiana accusa il regista-orco  Harvey Weinstein di molestie sessuali

Lo scandalo che porta il nome di Harvey Weinstein ha sconvolto Hollywood, ma anche il resto del mondo. Il regista accusato di molestie sessuali da parte di attrici e modelle che con lui hanno avuto rapporti lavorativi infatti vede sempre più nutrita la lista di accuse a suo nome. Tante le celebrità che dopo i primi casi resi noti, si accodano alle denunce di ciò che nei camerini e nelle stanze d’albergo Weinstein faceva succedere.

Anche dall’Italia è arrivata quella della discussa Asia Argento, che a distanza di molti anni, dall’accaduto narra il brutto episodio che la vide protagonista con il produttore cinematografico. Nel Bel Paese però ora spunta anche un’altra presunta vittima del viscido regista. La modella italiana Samantha Panagrosso rende pubblico infatti l’episodio che la vide coinvolta in una serie di molestie sessuali e di un tentato stupro ad opera di Weinstein.

Al Daily Mail la bella donna ha dichiarato di un primo approccio sessuale avvenuto nel 2003 a bordo di uno yacht e poi di un secondo in cui Harvey le mise le mani addosso, la spinse sul letto e provò a violentarla. Archiviata poi la denuncia ai danni del regista che tutto il mondo sta accusando e criticando, Asia Argento annuncia un’altra polemica su Twitter.

La figlia del regista Dario Argento infatti questa volta senza fare il nome del produttore-orco sul social network scrive: “#quellavoltache un regista/attore italiano tirò fuori il suo pene quando avevo 16 anni nella sua roulotte mentre parlavamo del “personaggio”. Asia però ormai è un fiume in piena in vena di svelare cosa il suo passato le ha inflitto e dopo poche ore aggiunge: “un grosso regista statunitense (con il complesso di Napoleone) mi dette la droga dello stupro e mi violentò mentre ero incosciente”.

FotoGallery