Ciclismo, il maltempo non ha fermato a San Candido la prima edizione di Eroica Dolomiti

Paolo Martelli

Il maltempo abbattutosi ieri a San Candido non ha fermato la prima edizione dell’attesissima Eroica Dolomiti

Pioggia intensa e freddo pungente non hanno fermato ieri i ciclisti eroici protagonisti a San Candido (BZ) della prima edizione di Eroica Dolomiti. Un debutto felicissimo quello di San Candido nel mondo Eroica; la Val Pusteria e il comprensorio delle Tre Cime di Lavaredo sono un territorio molto accogliente e ideale per il ciclismo vissuto come un tempo, da protagonisti sugli sterrati, in sella a biciclette costruite almeno trent’anni fa che invecchiando assumono un fascino antico che suscita ammirazione in appassionati di ogni età. Ieri in tanti hanno pedalato da San Candido a Dobbiaco, poi fino a Cortina D’Ampezzo e Passo Tre Croci per arrivare al Lago di Misurina da cui scendere in picchiata verso Dobbiaco e tornare a San Candido. A meno dei più forti, ieri particolarmente coraggiosi, che hanno scalato Prato Piazza per gustare il panorama, pur sconfitto dalle nuvole, delle Dolomiti. Montagne e cime divenute patrimonio Unesco e scenario di indimenticabili imprese dei più grandi campioni del ciclismo. Eroica Dolomiti è un evento riservato ai soci del Ciclo Club Eroica che il prossimo 1 ottobre a Gaiole in Chianti, in occasione della XXI Edizione de L’Eroica, annuncerà le proposte per il 2018. Si pedalerà non solo a San Candido ma anche in Europa ed anche molto, molto più lontano.

 

 

 

FotoGallery