MotoGp, Lorenzo esce allo scoperto: “il gesto in Argentina? Non mi son comportato da campione”

LaPresse/EFE

Jorge Lorenzo torna a parlare del gesto compiuto in Argentina, quando gettò a terra la sua Ducati sopo la scivolata alla prima curva

Sono passate due settimane ma quel gesto compiuto in Argentina continua a far discutere, a maggior ragione se a compierlo è stato uno dei piloti più in vista dell’intero circus.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Jorge Lorenzo ha voglia di voltare pagina, il passato è il passato e adesso è tempo di guardare al presente, in particolare al Gp del Texas. Prima di dedicarsi completamente alle fatiche di Austin, lo spagnolo ha voluto chiudere definitivamente la vicenda di Termas de Rio Hondo, facendo mea culpa: “non posso pensare alla cima della montagna se sono ancora a valle – sottolinea in maniera alquanto filosofica Jorge Lorenzo sto cercando di adattarmi alla moto, molto differente da quanto mi aspettassi. Sono lusingato di come mi trattano in Ducati: tutti mi aiutano e mi proteggono. Il gesto in Argentina? Non mi son comportato da campione, non sono orgoglioso, ma chi ha fatto sport sa che possono capitare i momenti di rabbia, come un tennista che lancia la racchetta. Non ho dato colpe a nessuno, tantomeno alla Ducati“.