Atletica, Mo Farah ancora sotto accusa: “sono pulito!”

LaPresse/PA

Mo Farah torna a difendersi: il suo allenatore Salazar accusato di aver abusato di prescrizioni mediche

E’ frustrante essere costretti a pronunciarsi su questo argomento. Sono un atleta pulito, che non ha mai infranto le regole e dispiace che alcuni media, nonostante i fatti parlino chiaramente, continuino a provare ad associare il sottoscritto ad accuse di abuso di sostanze illegali“. Mo Farah, attraverso una nota diffusa sui social, torna a difendersi dai sospetti.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Nel mirino del “Sunday Times” è finito ancora una volta il suo allenatore, Alberto Salazar, che avrebbe abusato di prescrizioni mediche e infusi proibiti per innalzare il livello di testosterone dei suoi atleti al Nike Oregon Project. E fra questi, secondo i documenti contenuti in un dossier dell’Usada, l’agenzia antidoping americana, e altri trafugati dagli hacker russi di Fancy Bears, ci sarebbe lo stesso Farah. “Capisco che usare il mio nome rende la storia più interessante ma è scorretto fare certe affermazioni quando è chiaro che non ho fatto nulla di sbagliato. E se l’Usada o altre agenzie antidoping hanno prove che mi smentiscono, che li pubblichino o prendano provvedimenti anzichè permettere ai media di essere giudici e giuria“. Già nel 2015 Salazar era stato accusato di violare le norme antidoping ma ha sempre negato ogni addebito. (ITALPRESS).

FotoGallery