Domenica 4 Dicembre

Se Ronaldo e Messi non esistessero: “ed il Pallone d’oro va a… Gigi Buffon”

Se esistesse un mondo parallelo in cui il Pallone d’oro fosse assegnato soltanto a calciatori che giocano in Italia, questo sarebbe il solo scenario possibile

Il Pallone d’oro. Premio ambito. Riconoscimento voluto. Tanti i campioni che ne possiedono uno. Altrettanti coloro che non lo posseggono, ma che l’avrebbero meritato. Purtroppo o per fortuna però esiste da qualche anno un predominio di alcuni calciatori “extraterrestri” troppo forti per essere battuti, troppo bravi per essere superati, che non danno scampo ad altri calciatori (sempre campioni) di vincere al posto loro.

LaPresse/REUTERS

LaPresse/REUTERS

Se non ti chiami Cristiano Ronaldo o Leo Messi di questi periodi per il Pallone d’oro non sei nessuno, sei semplicemente come tutti gli altri. E’ perfino inutile che un calciatore si chiami Gianluigi Buffon. E’ inutile che un calciatore si chiami Gonzalo Higuain e ed è perfino inutile che un calciatore si chiami Paulo Dybala. Non conta perchè è giusto non conti di fronte a mostri sacri come i geni del pallone che abbiamo già nominato, ma facendo leva su quel po’ di patriottismo che c’è rimasto potremmo ipotizzare uno scenario (molto immaginario) in cui colui che con uno smocking niente male scarta la busta al cui interno c’è scritto il nome del vincitore del Pallone d’oro pronunci per quest’anno un nome “italiano”. Questa volta non uscirà il nome di Messi o Ronaldo, questa volta sono solo tre le alternative.

Se Paulo Dybala vincesse il Pallone d’oro – Un Pallone d’oro a Paulo non sarebbe proprio un’assurdità. Sarebbe un premio che apprezzerebbe il lato bello del calcio. Quel lato fatto di sacrifici e sudore, senza eccessi. Il lato umile. Si dice che Dybala sia il primo ad arrivare sui campi di allenamento la mattina a Vinovo e l’ultimo ad andare via. Sia il primo a fare i doppi turni d’allenamento, non perchè gli serva ma perchè vuole imparare. Il Pallone d’oro a Dybala sarebbe come un bel regalo anticipato ad una carriera che ancora  è ai suoi albori ma che sicuramente mieterà i suoi frutti.

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Se Gonzalo Higuain vincesse il Pallone d’oro – Gonzalo Higuain Pallone d’oro sarebbe un premio alle gesta atletiche di un capocannoniere epico e geniale. Come fa l’argentino a trovarsi sempre dove il pallone arriverà per essere insaccato in rete? Come fa Higuain a centrare la porta da posizioni impossibili per altri suoi pari? Come fa a far essere entusiasti con ogni sua giocata milioni di spettatori della Juventus che sonno abituati a mille vittorie? Tutto questo è Gonzalo Higuain e per tutto questo meriterebbe la vittoria del Pallone d’oro.

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Se Gigi Buffon vincesse il pallone d’oro – Sappiamo tutto di lui. La sua carriera irripetibile, la sua grinta da vendere, la sua gioia nell’esultanza. Conosciamo il modo in cui non guarda i rigori calciati dai compagni ed il modo in cui lui li para i rigori. Sappiamo i particolari della sua vita privata, la sua storia ormai finita con Alena Seredova e il suo nuovo amore con Ilaria D’Amico con la quale ha avuto un figlio. Amiamo di lui il legame con la sua terra, il suo attaccamento alla maglia azzurra e il suo trasporto per la Juventus. Buffon è per l’Italia tutta un mito, un mito che meriterebbe prima della fine della sua carriera, senza dubbio più degli altri due, un Pallone d’oro.

Ringraziamo tutti i Leo Messi e i Cristiano Ronaldo del mondo per aver fatto in modo che il calcio fosse lo sport stupendo e spettacolare che è, ma se per una volta si facessero da parte per rendere omaggio a campioni come Gigi allora gli saremmo tutti veramente grati.