Martedi 6 Dicembre

MotoGp, dalla lotta Rossi-Lorenzo all’attacco Ducati, Lin Jarvis svela: “ecco tutta la verità”

LaPresse/EFE

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, Lin Jarvis si sofferma sui due casi più spinosi in casa Yamaha: la lotta Rossi-Lorenzo e la querelle con la Ducati

Una giornata di test tutto sommato positiva per la Yamaha, capace di piazzare Jorge Lorenzo davanti a tutti al termine della seconda sessione di prove libere.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Un risultato soddisfacente per Lin Jarvis che sorride in vista del prosieguo del week-end, durante il quale la Yamaha proverà a mettere i bastoni tra le ruote a Marc Marquez. Intervistato da Sky Sport, il managing director della Yamaha ha analizzato i casi più spinosi del momento tra cui la lotta Rossi-Lorenzo e la querelle con la Ducati: “oggi è andata abbastanza bene, per Jorge in particolare la prima posizione è fantastica. Vedremo domani visto che oggi è solo venerdì” commenta Lin Jarvis ai microfoni di Sky Sport. “Per adesso tutto bene. Dobbiamo ancora disputare quattro gare, quindi lottiamo per il titolo, finché la matmatica ce lo permette.

LaPresse/Alessandro La Rocca

LaPresse/Alessandro La Rocca

Adesso pensiamo al primo posto e non alla lotta per il secondo, se Marquez dovesse vincere il titolo saremmo comunque pronti ad una lotta tra i nostri due piloti. Loro sono liberi di fare le loro gare. Le parole di Dall’Igna sui test per Lorenzo? Io sono d’accordo con Gigi che i contratti devono essere rispettati, abbiamo i diritti d’immagine su Jorge fino a dicembre e non possiamo comportarci diversamente. E’ una cosa importane per i nostri sponsor. Noi abbiamo dato a Lorenzo la possibilità di provare la Ducati due giorni a Valencia, quindi credo che abbiamo già fatto una cosa sportiva. Le alette a noi non cambiano nulla, le hanno vietate e a noi va bene così. Stiamo lavorando su tante cose per l’anno prossimo, ma non sarà una moto rivoluzionaria. Noi siamo più per l’evoluzione che per la rivoluzione“.