Sabato 3 Dicembre

Maglia della Spagna ‘mutilata’, Pique preso di mira dai tifosi: il giocatore lascia la Nazionale [FOTO e VIDEO]

LaPresse/EFE

Pique è stato accusato di aver tagliato volontariamente i simboli legati alla Spagna dalle maniche della sua maglia: il giocatore indignato ha annunciato l’addio alla ‘Roja’ dopo Russia 2018

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

La vittoria della Spagna sull’Albania, preziosa per le qualificazioni ai Mondiali di Russia 2018, è passa in secondo piano, oscurata dalla polemica legata al ‘caso Pique’. Il difensore centrale del Barcellona è finito nel mirino dei tifosi per aver giocato con una versione ‘particolare’ della maglietta spagnola, senza i simboli gialli e rossi, chiaro richiamo ai colori sociali del Paese e della Bandiera. E c’è di più: il giocatore ha volutamente tagliato le maniche della sua maglietta, gesto che ha fatto imbufalire i tifosi. Il pensiero al noto indipendentismo catalano, che Pique ha sempre appoggiato, ha indignato gran parte degli spagnoli che hanno manifestato tutto il loro sdegno sui social.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Come riportato da “La Gazzetta dello Sport”, ci ha pensato la stessa Federazione spagnola a far luce sull’accaduto tramite un comunicato: “la Federazione di calcio spagnola mostra tutto il suo appoggio riguardo la polemica scatenata dalla divisa con la manica lunga indossata nella gara contro l’Albania. La divisa Adidas con la manica lunga non prevede la presenza del bordo con i colori nazionali, come quella indossata da Sergio Ramos. La maglia del difensore del Real Madrid infatti non presenta alcun tipo di richiamo al giallo e al rosso (tranne la macchia sul braccio sinistro dovuta alla fascia da capitano indossata dal numero 15).

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Pique avrebbe quindi deciso di tagliare volontariamente le maniche della maglia, ma solo per starae più comodo come egli stesso ha affermato nell’intervista post match, prima di annunciare il clamoroso addio alla ‘Roja’ dopo i Mondiali 2018: “ho sempre vestito maglie con la manica lunga, ma questa volta mi stavano un po’ corte: mi davano fastidio e ho deciso di tagliarle. Ho sempre dato tutto per questa maglia e su questo non c’è dubbio. C’è gente che crede che sia meglio che io non stia più qui. Sono entusiasta del progetto di Julen (Lopetegui) e per questo che non lascio oggi. Abbiamo cominciato insieme e finiremo insieme”.