Sabato 3 Dicembre

Ciclismo, il patron della Tinkoff umilia Contador: che schiaffo allo spagnolo

LaPresse/Fabio Ferrari

Il secondo posto nel ranking per Team non è andato giù al proprietario della Tinkoff che si è scagliato contro Contador

Non è bastata alla Tinkoff l’ottima stagione di Peter Sagan, il primo posto nella classifica mondiale e nel ranking World Tour dello slovacco non sono bastati al team russo per chiudere in testa il ranking per team, vinto dalla Movistar per soli 110 punti.
LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Il patron della squadra Oleg Tinkov, al suo ultimo anno nel mondo del ciclismo, non è riuscito a trattenere la rabbia per questa cocente sconfitta, puntando il dito soprattutto contro Alberto Contador, reo di essersi ritirato dal Tour de France e capace di mettere in cascina solo quattro vittorie. “Per colpa sua abbiamo perso la classifica a squadre del World Tour. Sono arrabbiato, non abbiamo vinto a causa delle sue cadute, dei suoi ritiri, dei suoi malanni. Non ha partecipato al Lombardia e non so se l’ha fatto di proposito, ma non mi è piaciuta questa cosa. Per i soldi che ha guadagnato non dovrebbe accadere. Valverde, tre giorni prima del Lombardia, stava male, ma è salito ugualmente sulla bici ed è arrivato fra i primi. Questa è classe. Alberto — ha aggiunto Tinkov, che non ha invitato Contador alla cena d’addio della Tinkoff — è una persona triste e noiosa, è sempre attento a cosa mangia, perché è fissato con la preparazione per il Tour. È un atteggiamento stupido ed è per questo che continua a cadere, è troppo duro con sé stesso e troppo concentrato. Lui e il suo piccolo gruppo spagnolo hanno avuto un cattivo rapporto con quasi tutti nella nostra squadra, sono sicuro che faranno dei disastri nella Trek”.