Domenica 11 Dicembre

L’amore per la musica, gli occhi della tigre e il primo oro paralimpico: che storia quella di Francesco Bocciardo!

La diplegia distale spastica che lo limita fin dalla nascita, l’amore per la musica e l’oro alle Paralimpiadi di Rio: alla scoperta di Francesco Bocciardo

Un sogno da vivere ad occhi aperti, un oro che esalta e che regala al Team Azzurro un’emozione fantastica, di quelle difficili da spiegare. Francesco Bocciardo è campione paralimpico nei 400 stile libero categoria S6, un risultato strabiliante in una delle gare più difficili dell’intero programma del nuoto, resa ancora più complicata da una diplegia distale spastica che, fin dalla nascita, rende entrambe le sue gambe paralizzate.

bocciardo Francesco, però, non si è mai abbattuto, entrando in acqua già a quattro anni per costruirsi quel percorso che lo ha portato prima a laurearsi campione del mondo (2015) e d’Europa (2016) dei 400 stile libero categoria S6, per poi salire sul gradino più alto del podio proprio nella gara più importante della sua vita, quella dei Giochi Paralimpici di Rio 2016. Accreditato del miglior tempo d’iscrizione con quasi 13” di vantaggio sul rivale più diretto, si è risparmiato in batteria e non ha lasciato scampo a nessuno in finale, chiudendo con il tempo di 5’02”15.

bocciardo1Una vita spesa per il nuoto e per la musica, altra sua grande passione, tanti sacrifici sempre con un solo obiettivo in testa, quello di far capire alla vita che ci vuole ben altro di una malattia per fermarlo. Francesco Bocciardo ha battuto la sua disabilità e la paura di essere il favorito, pagando lo scotto della partenza (l’unico a non scattare dal blocco) con una bracciata intensa e lineare che gli ha regalato il primo oro paralimpico in carriera. Come Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti, suoi coetanei, ha rotto il ghiaccio appena 18enne quattro anni fa (tre gare, nessuna finale) per poi vivere i Giochi della consacrazione a Rio. Canzone preferita? “Eye of the Tiger”, colonna sonora del film Rocky III, davvero niente male per un ragazzo tanto timido fuori dalla vasca quanto aggressivo dentro. L’Italia applaude Francesco Bocciardo, un brivido di emozione corre lungo la schiena, queste Paralimpiadi non smettono di farci sognare.

#rio2016paralympics – Our Francesco #Bocciardo, became Bocchiardo for the speaker, wins GOLD MEDAL 400 sl S06. W #TeamItaly

Un video pubblicato da Mr ZEBRO Official (@misterzebroofficial) in data: