Domenica 11 Dicembre

MotoGp, Espargarò disintegra Rossi: “ha detto tante cazzate! E’ morto un pilota e lui pensa alla curva 9”

LaPresse/EXPA

Clima tesissimo in MotoGp, Pol Espargarò attacca senza mezzi termini Rossi e Lorenzo

Scoppia la polemica nella MotoGp dopo la decisione della Safety Commission di modificare non solo la curva 12, luogo del tragico incidente a Luis Salom, ma anche la curva 9, giudicata pericolosa per i piloti.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Gli esiti delle qualifiche hanno acceso gli animi di Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, con il pesarese davvero infuriato per il nuovo layout della curva 9, modificato secondo lui ad hoc per favorire Marc Marquez. Un’uscita difficile da digerire da Pol Espargarò che, intervistato ai microfoni di Sky Sport, non le ha mandate a dire a Rossi. “Valentino ha scelto di non venire alla riunione della Safety Commission? La trovo una grande cazzata. Noi della MotoGp dobbiamo difendere i piloti della Moto3 e della Moto2 che non possono partecipare. Alla Safety Commission bisogna andarci, è un dovere andarci, non esiste che non ci vai.

LaPresse/Alessandro La Rocca

LaPresse/Alessandro La Rocca

E’ una cosa senza senso. Cazzo, è morto un pilota e tu non vai alla Safety Commission pensando al fatto che hanno modificato la curva 9 per favorire qualcuno? Queste cose non esistono per me, sono davvero incazzato“. Espargarò non placa la sua ira e, dopo aver preso un po’ di fiato, continua nel suo monologo, spostando l’attenzione su Lorenzo: “perchè cazzo di deve chiamare qualcuno per andare alla Safety Commission. Nessuno ha bisogno di una chiamata, lui sa che c’è la riunione, non può dire che dev’essere chiamato. E’ vero quello che dice Rossi, perchè cambiare la curva 9 se non è successo niente? Io rispondo, dobbiamo aspettare che muoia qualcuno per modificarla? Non si può pensare che ognuno abbia un fine egoistico o che Marquez abbia chiesto di modificare la curva per un tornaconto personale. Avrebbero fatto meglio a stare zitti“.