Sabato 3 Dicembre

F1, la verità comincia a emergere: ecco i retroscena dell’incidente tra Hamilton e Rosberg

LaPresse/EFE

Alla base della collisione tra Hamilton e Rosberg ci sarebbe un errato settaggio della monoposto da parte del tedesco

Cominciano ad emergere i primi retroscena riguardo l’incidente che, poche curve dalla partenza, ha estromesso entrambe le Mercedes dal Gp di Barcellona, vinto poi dal giovanissimo Max Verstappen.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

La carambola con cui Hamilton ha messo fuori gioco sia sé stesso che il compagno di squadra non sarebbe stata dettata da un suo errore di valutazione, bensì da una mancanza di Rosberg, reo di non aver disattivato la modalità ‘giro di formazione’ dopo il via. “E’ stato un incidente di gara – ha spiegato Toto Wolff in serata – ma molto sfortunato perché innescato da varie circostanze. Nico aveva la luce rossa accesa nel posteriore perché in quel momento aveva un’impostazione errata, e la sua power unit non disponeva della stessa energia che invece aveva Lewis. Non spiega tutta la dinamica dell’incidente, ma almeno ci fa capire perché in quel momento c’era una tale differenza di velocità tra le due monoposto”.

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Al contrario, Nico Rosberg conferma di aver premuto quel pulsante, come dimostrerebbero le immagini on board: “ho fatto una grande partenza – ha svelato Rosberg – e sono rimasto davvero entusiasta della staccata alla prima curva. Ero sicuro che grazie a quel sorpasso avrei vinto la corsa. Poi uscendo dalla Curva 3 ho sentito che il motore non era al massimo della potenza, e dopo la corsa abbiamo capito che non era settato nella modalità corretta. In merito alla cambiamento di modalità, per tornare a quella corretta da “corsa” bisogna spingere un pulsante, lo stesso che poi in gara è quello di modalità ‘sorpasso’. E l’ho premuto, come si vede dalle immagini on-board”.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Di parere opposto il compagno di squadra Lewis Hamilton, notevolmente più veloce del tedesco dopo le prime curve: “quando ci si ferma sulla griglia di partenza c’è solo un modo di funzionamento: la modalità di gara. Nico probabilmente era ancora in quella con cui si percorre il giro di formazione, e suppongo che si sia dimenticato di cambiarla fino alla curva 3 dopo il via. All’uscita della curva 3 ero molto più veloce di Nico perché era in una modalità errata di motore. Ho visto che la luce posteriore di Nico era accesa, ma poi si è spenta. La mia percorrenza alla curva 3 era stata migliore, quindi avevo una maggiore velocità. Nico ha corretto la mappa, ma quando effettui quel cambiamento non è istantaneo il ritorno alla potenza normale da gara”. Una differenza di potenza quantificabile in 16 km/h di differenza a favore di Hamilton, tanti da spingere il britannico a provare il sorpasso: “quando ho visto quel varco mi ci sono buttato, che poi è quello che i piloti fanno normalmente”.