Giovedi 8 Dicembre

Sci: splendido podio azzurro di Razzoli e Gross a Wengen

LaPresse/Reuters

Podio quasi completamente italiano a Wengen: Razzoli secondo, Gross terzo

È uno splendido doppio podio quello che lo slalom di Wengen regala all’Italia, in una giornata completamente colorata di azzurro. Giuliano Razzoli sale sul podio per la 10^ volta in carriera, mentre per Stefano Gross si tratta del settimo podio. A vincere a Wengen è Henrik Kristoffersen che sale sul podio per la quinta volta consecutiva, e si aggiudicala quarta vittoria stagionale, questa volta accompagnato da due italiani.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Il doppio podio azzurro arriva nel momento clou della stagione, che ora prevede i classicissimi appuntamenti di Kitzbuehel e Schladming dove gli azzurri saranno chiamati a ripetersi.
Un podio importante perché è stato fatto insieme a un mio compagno di squadra e perché arriva alla vigilia di una gara che mi piace molto, quella di Kitzbuehel. Era da tempo che dimostravo di avere il risultato nelle gambe, ma con il poco allenamento che riesco a fare a causa del dolore al ginocchio, mi mancava sempre qualcosa: una volta un po’ di sfortuna, un’altra volta un errore. Oggi è andata bene e so di avere ancora margine. Kristoffersen è lì davanti, ci vuole un po’ di allenamento in più per andare a prenderlo, ma non è così lontano. Ora, bisognerà continuare su questa onda di fiducia e spero di fare un buon risultato anche la prossima settimana“, ha dichiarato Giuliano Razzoli dopo il bellissimo successo di ieri.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

È un bel podio perché un po’ inatteso e su una pista di media pendenza che non proprio adatta alle mie caratteristiche. Oggi sono riuscito a sciare come faccio in allenamento, attaccando sempre a tutta. Ho avuto buone sensazioni fin dalla mattina e il risultato è arrivato. Era ora, perché ad Adelboden l’avevo un po’ buttato via da solo e ora arrivano le piste più ripide, sulle quali penso che si possa anche ridurre il gap che ancora c’è con Kristoffersen. Bello essere in due sul podio, perché in allenamento ci si può confrontare sapendo che chi sta davanti ha alla portata un risultato importante“, ha aggiunto Stefano Gross.