Giovedi 8 Dicembre

“Senza bellezza e merito non ci sarà futuro”, Sacchi applaude i fischi alla Roma!

LaPresse/Alfredo Falcone

“I fischi dell’Olimpico alla Roma sono un segnale importante per il nostro calcio”, il Sacchi pensiero destinato (come sempre) a far discutere…

lapresse/Jonathan Moscrop

lapresse/Jonathan Moscrop

Un pensiero che difficilmente si conforma al resto dell’opinione pubblica. E’ stato sempre così, Arrigo Sacchi. Rivoluzionario in panchina, tagliente e senza peli sulla lingua da commentatore di calcio. Che si tratti di tv o giornali, Arrigo Sacchi fa discutere. L’ex allenatore del Milan e della Nazionale italiana, attraverso una rubrica da lui stesso curata sulla Gazzetta dello Sport, ha commentato così ì fischi dei tifosi dell’Olimpico alla Roma appena qualificata agli ottavi di Champions League: “La Roma si è classificata per gli ottavi di Champions tra i fischi dei propri sostenitori, delusi da uno spettacolo inquietante. Un atteggiamento raro in un Paese in cui si è sempre data la priorità al risultato a prescindere. Tuttavia un segnale importante per lo sviluppo e la crescita del nostro sistema calcistico: senza bellezza e merito non ci sarà futuro”.

“Ancora una volta il pubblico ha dimostrato una maturità e una cultura sportiva che purtroppo diversi addetti ai lavori non posseggono. I fischi dei tifosi bocciano anche un gruppo di giocatori che non sempre si trasforma in una squadra nello spirito e nel gioco. Ho ascoltato dopo l’incontro alcune interviste dei calciatori romanisti e alcune disamine dei media che mi hanno preoccupato per la superficialità e il populismo: senza autocritiche e critiche non si migliora”. Il Sacchi pensiero, destinato a far discutere. Come sempre…