Lunedi 5 Dicembre

Ciclismo, parla Giacomo Nizzolo: “ora il Lombardia sulle mie strade”

LaPresse/Belen Sivori

Giacomo Nizzolo dopo il Mondiale e il podio alla Tre Valli Varesine vuole di più

Giacomo Nizzolo (26 anni) è stato il migliore degli azzurri ai Mondiali di Richmond (18°): il suo, è evidente, è un buon periodo di forma e la conferma di tutto ciò è arrivata dal podio ottenuto alla Tre Valli Varesine, dove si è classificato terzo dietro l’imprendibile Vincenzo Nibali, per una gara che lo ha comunque lasciato soddisfatto – “Ho cercato di seguire Nibali, ma lui ha avuto qualcosa in più ed è normale. È stata una buona prova la mia, sono soddisfatto”.

Adesso è il momento di battere il ferro perché è caldo, per impressionare la sua Trek e continuare a crescere: “Ho chiesto alla squadra di partecipare al Lombardia. Naturalmente so bene che non è una gara per me, ma si corre su strade che spesso faccio in allenamento e potrei comunque aiutare i compagni”.

LaPresse/Belen Sivori

LaPresse/Belen Sivori

Uno sguardo al Mondiale e a Richmond non può comunque mancare: “La gara è venuta più dura di quello che sembrava, ma se andiamo a guardare l’ordine d’arrivo sono pochi i corridori con le mie caratteristiche che mi sono rimasti davanti, gli altri erano tutti uomini anche da Ardenne o da grandi giri come Gilbert e Dumoulin. Gente come Degenkolb o Bouhanni ha pagato dazio. Se ci fosse stato un rallentamento, mi sarei potuto giocare un piazzamento migliore, ma c’era Sagan davanti e non ci sono stati sconti. Ma quella della Nazionale, secondo me, resta una buona prova”.