Venerdi 9 Dicembre

Coppa Davis, Fognini: “quando la Nazionale chiama Fognini risponde”

LaPresse/Reuters

E’ soddisfatto e contento Fabio Fognini per la vittoria di oggi che ha permesso all’Italia di rimanere nel World Group di Coppa Davis

E’ stata un’altra grande prova mentale, è sempre complicato giocare tre partite in pochi giorni. Ho giocato tanto, bene, a sprazzi male, ma l’ho accettato e questo credo sia un gran plus, questa è sempre stata una mia pecca, un mio tallone di Achille. Ho sempre dimostrato di essere attaccato a questa maglia, di lottare anche in condizioni non ottimali e quando la nazionale chiama Fognini risponde“.

italia tennisFabio Fognini è soddisfatto del successo sul russo Teymuraz Gabashvili, con l’Italia che si è imposta 3-1 ed è così rimasta nel World Group di Coppa Davis. L’azzurro dopo aver vinto il primo singolare venerdì e il doppio con Bolelli ieri, ha chiuso con un tris spettacolare alla Bajkal Arena di Irkutsk in Siberia. “A prescindere da questo spareggio è tanto che sto dando il mio contributo, sia nel bene che nel male. La faccia e la persona l’ho messa in campo, purtroppo in questo sport sono più le volte che perdi che quelle che vinci, ma sono contento perché è importante restare nel World Group di Coppa Davis. Ho dimostrato a Corrado Barazzutti che sono fatto per queste partite e che ci tengo alla maglia azzurra“, ha proseguito il campione ligure a Supertennis al termine della sfida. Contro Gabashvili l’azzurro ha rischiato di andare al quarto set. “Andare al quarto sarebbe stata una bella botta, avevo iniziato bene il terzo set, aggressivo, sono andato un break avanti, è stata dura anche nel tie break ma sono contento e ora ho bisogno solo di rilassarmi e gioire di questa vittoria. La dedica oggi va a me stesso, alla mia famiglia, al mio team, al capitano che ha creduto in me, e al movimento del tennis maschile che ne ha bisogno, nel tennis femminile ci sono state belle soddisfazioni“, ha concluso Fognini.