Domenica 4 Dicembre

Il Giro d’Italia torna al sud: l’anno prossimo tappa a Catanzaro

LaPresse/Belen Sivori

Il Giro d’Italia dopo 10 anni potrebbe ritornare in Calabria, forse a Catanzaro, per una tappa della prossima edizione

Il Giro d’Italia fa parte, insieme al Tour de France e alla Vuelta di Spagna, dei Grandi Giri, le più importanti competizioni ciclistiche europee. E’ appassionante ed è ambito dai più grandi ciclisti del mondo. Il Giro d’Italia si chiama così perchè i corridori dovrebbero attraversare, per quanto possibile, tutte le terre della penisola italiana, comprese le due isole. Capita spesso, come accaduto nell’edizione del 2015, che alcune terre però vengano trascurate, in particolar modo il sud. Quest’anno infatti il Giro d’Italia non è sceso oltre la Campania. Non sono chiari i motivi di questa scelta ma tutti gli appassionati di ciclismo, e non solo, del sud Italia sono rimasti delusi e scontenti di non poter assistere a qualche tappa dal vivo. L’edizione del prossimo anno, sarà presentata ufficialmente il 5 ottobre, ma già si sa che partirà il 6 maggio dall’Olanda, per poi passare anche dai Paesi Bassi. Questa decisione ha fatto nascere tantissime polemiche. Perchè una corsa italiana deve partire da un paese straniero? Non si sa. Gli organizzatori però stanno pensando di far tornare, dopo più di dieci anni, il Giro d’Italia in Calabria. Si parla infatti di un’ipotetica tappa a Catanzaro. Il sud sarebbe contento di questa decisione, con la speranza che però, ogni anno la gara ciclistica scenda nell’Italia “trascurata” ed “emarginata”, e che quello del 2016 non sia un semplice “contentino” per evitare ulteriori polemiche, o per mettere in secondo piano la strana partenza dall’ Olanda.