Venerdi 9 Dicembre

Il “miracolo” del pallone da calcio: dal Super Tele al Tango, una storia fatta di bimbi felici

LaPresse/Cafaro Gerardo

La strana e meravigliosa invenzione del pallone da calcio, dalle favelas agli stadi all’ultimo grido

Il pallone da calcio. Inimitabile oggetto; rappresentante assoluto della perfezione del design. Sobrio, essenziale, funzionale. Nulla di troppo. Nulla di meno. Una sfera adattata al gioco. Il pallone da calcio: chi non ci ha mai giocato, almeno una volta? Chi non lo ha mai rincorso, calciato, tirato? Il pallone da calcio è la semplicità fatta gioco, sport, passione. Ecco alcuni dei vari modelli di pallone che nel corso dei decenni si sono avvicendati sui prati dei giardinetti pubblici di tutta Italia: il “volante” Super Tele, il “vorreimanoposso” Elite, il “colorato” Super Santos che preferiva agli esagoni la finta cucitura “old style”, il “classico” Telstar con gli esagoni definiti, e infine il Tango, il vero pallone, il potere! Il vero potere del pallone, ancor oggi, è quello (incredibile!) di un oggetto di design talmente riuscito e talmente perfetto da riuscire a far nascere il sorriso sui volti dei bambini di qualunque parte del mondo. Anche i più sfortunati. Perché il pallone, in fondo, è un miracolo.