Mondiali Sci di fondo – La 10km TC femminile è di Johaug, Commarella miglior azzurra [GALLERY]

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

/

La regola stagionale delle distance femminili per ora non ammette eccezioni: se Therese Johaug partecipa, Therese Johaug vince. La fuoriclasse norvegese conquista il secondo oro in due gare ai Mondiali di Seefeld trionfando anche nella 10 km in tecnica classica dopo aver dominato nello skiathlon. Stavolta, in realtà, ha dovuto faticare più del previsto perché ha trovato due rivali tosti: una è stata la sorprendente 19enne Frida Karlsson, campionessa del mondo juniores nella 5 km e nella mass start di 15 un mese fa a Lahti, con appena una presenza in Coppa del mondo, l’altro è stata la neve che si è via via sfaldata rendendo più complicato il successo di Johaug.

La giovanissima svedese Frida Karlsson, partita con il numero 28, ha guardato sul telefonino la gara dell’avversaria, scoprendo che pian piano perdeva secondi preziosi fino ad arrivare ad appena 4″8 di vantaggio all’ultimo intermedio, ai 6,7 chilometri. Ma nel finale la Johaug ha tirato fuori gli artigli e ha avuto la meglio per 12″ portando a casa il sesto trionfo mondiale in gare individuali, nono se includiamo anche le staffette. Per Karlsson, in ogni caso, un risultato straordinario, mentre la Norvegia festeggia anche il bronzo di Ingvild Flugstad Oestberg, leader della classifica generale e della graduatoria distance di Coppa del mondo. Ha rischiato di finire fuori dal podio, ma per appena 1″4 ha beffato la finlandese Krista Parmakoski chiudendo a 35″6 dalla Johaug.

La migliore delle azzurre è stata Anna Comarella, 21enne che già nello skiathlon aveva destato un’ottima impressione: nella 10 km ha chiuso 28esima con un ritardo di 2’07” facendo un po’ più fatica nel finale dopo un buon avvio e vincendo il “derby” con Lucia Scardoni, 34esima a 2’29”, e Caterina Ganz, 40esima a 3’01”. Il programma dei Mondiali di fondo prosegue con la 15 km maschile in tecnica classica di mercoledì 19 febbraio (ore 14, diretta tv Raisport ed Eurosport), mentre le donne torneranno in pista giovedì 28 (ore 13) per la staffetta.

Le dichiarazioni delle azzurre dopo la 10 km in tecnica classica ai Mondiali di Seefeld:

Anna Comarella: “È stata una gara veramente tosta, una delle più dure che abbia mai fatto. Abbiamo corso alle tre del pomeriggio e c’era un caldo anomalo e per una gara di fondo è davvero tosta. Ho cercato di dare il massimo e sono abbastanza soddisfatta della mia gara. Speravo un po’ meglio, ma c’è molto da lavorare e per il momento va bene così. La seconda parte della gara è stata molto dura: diciamo che sono stata fortunata nel partire con un pettorale basso, ma dopo la neve si è riscaldata ed era più lenta, nel secondo giro ho sentito la differenza. In ogni caso è un periodo in cui sto bene, per come sto posso essere soddisfatta, ma c’è da migliorare”.
Lucia Scardoni: “Oggi non sono per niente contenta, ho faticato parecchio. Non so sto accusando la stanchezza per la sprint e la team sprint, avendo gareggaoto un giorno sì e uno no da quando sono cominciati i Mondiali. Forse è quello, forse un po’ anche il caldo, ma oggi ho fatto molta fatica. E più o meno è andata come a Lahti due anni fa”.Caterina Ganz: “Anche oggi non è andata come speravo, anzi è andata male. I motivi? Gli sci erano buoni e la neve era uguale per tutte. Era lenta, ma eravamo tutte nelle stesse condizioni. Io ce l’ho messa tutta, come ho fatto anche sabato, e per me questo è l’importante. Non so proprio cosa sia successo, anche perché venivo da un periodo di forma ed ero tranquilla. Invece penso di aver fatto le due gare più brutte della mia stagione proprio qui ai Mondiali. Mi dispiace, ma guardo avanti. Adesso lasceremo passare qualche ora, poi faremo il punto della situazione con gli allenatori. So che loro credono nelle mie possibilità e in quello che ho dimostrato”

Ordine d’arrivo 10 km TC femminile Mondiali Seefeld (Aut)

1. JOHAUG Therese NOR 27:02.1

2. KARLSSON Frida SWE +12.2
3. OESTBERG Ingvild Flugstad NOR +35.6
4. PARMAKOSKI Krista FIN +37.0
5. FAEHNDRICH Nadine SUI +1:03.9
6. SEDOVA Anastasia RUS +1:04.9
7. NEPRYAEVA Natalia RUS +1:07.5
8. STADLOBER Teresa AUT +1:07.9
9. KALLA Charlotte SWE +1:09.2
10. JACOBSEN Astrid Uhrenholdt NOR +1:09.4

28. COMARELLA Anna ITA +2:07.4
34. SCARDONI Lucia ITA +2:29.3
40. GANZ Caterina ITA+3:01.4

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Rita Caridi (34581 Articles)
Nata a Reggio Calabria il 18 giugno 1990 ama tutti gli sport, con un focus particolare sui motori e la pallacanestro. Scrive su SportFair dal 2015


FotoGallery