• AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
/

Tentativo fallito per Franky Zapata: ‘l’uomo volante’ non è riuscito nell’impresa di attraversare il Canale della Manica sul suo flyboard

Franky Zapata non è riuscito oggi nell’impresa di attraversare il Canale della Manica a bordo del suo flyboard. E’ letteralmente terminato in mare il sogno dell’uomo volante, che con una specie di overboard spinto da cinque reattori alimentati da cherosene e dal movimento del suo corpo, puntava ad attraversare il Canalde della Manica.

Franky è caduto in mare, deludendo se stesso e tutti gli spettatori che speravano di assistere ad un’impresa storica. Il volo di Zapata è durato pochi minuti: l’uomo volante è decollato alle 9.05 dalla spiaggia di Sangatte, per poi finire in mare, dopo aver tentato di atterrare in una piattaforma di support per il pit stop di rifornimento, a circa 18km dall’arrivo sulle coste della Gran Bretagna.

Franky Zapata  è stato immediatamente soccorso, ma non ha mostrato brutte conseguenze: subito cosciente ha telefonato alla moglie per rasserenarla, ma non ha nascosto la sua grande delusione per il tentativo fallito. Nonostante tutto, però, l’uomo volante ha intenzione di riprovarci.