Silent Yachts con due debutti a Cannes: il primo S60 dotato di un’ala da kite | FOTO

SILENT-YACHTS si prepara ai saloni nautici autunnali con ben due debutti in programma al Cannes Yachting Festival dal 6 all'11 settembre 2022

  • Foto di Alberto Cocchi
    Foto di Alberto Cocchi
  • Foto di Alberto Cocchi
    Foto di Alberto Cocchi
  • Foto di Alberto Cocchi
    Foto di Alberto Cocchi
  • Foto di Alberto Cocchi
    Foto di Alberto Cocchi
  • Foto di Alberto Cocchi
    Foto di Alberto Cocchi
  • Foto di Alberto Cocchi
    Foto di Alberto Cocchi
  • Foto di Alberto Cocchi
    Foto di Alberto Cocchi
  • Foto di Alberto Cocchi
    Foto di Alberto Cocchi
  • Foto di Alberto Cocchi
    Foto di Alberto Cocchi
  • Foto di Alberto Cocchi
    Foto di Alberto Cocchi
  • Foto di Alberto Cocchi
    Foto di Alberto Cocchi
  • Foto di Alberto Cocchi
    Foto di Alberto Cocchi
  • Foto di Alberto Cocchi
    Foto di Alberto Cocchi
  • Foto di Alberto Cocchi
    Foto di Alberto Cocchi
  • Alberto Cocchi
    Alberto Cocchi
/
SportFair

Il primo SILENT 60 dotato di un’ala da kite sarà esposto per la prima volta a Cannes. L’ala da kite compatta, leggera e facile da usare, genera fino a 10 volte più potenza per metro quadrato rispetto a una vela convenzionale.

Lanciata da una struttura dell’albero pieghevole sul ponte di prua, l’ala del kite offre tre vantaggi principali:

1. Propulsione extra. L’aquilone è in grado di trainare il SILENT 60 da 30 tonnellate con una velocità di 4-5 nodi. Inoltre, riduce i consumi dei motori elettrici, ampliando così la gamma.
2. Ridondanza. Se una lenza si impiglia nelle eliche, ad esempio, l’aquilone può fungere da propulsione di riserva che consente alla barca di raggiungere un luogo protetto dove la corda può essere tagliata e l’elica liberata.
3. Divertimento e gioia. È emozionante vedere l’aquilone in alto nell’aria, che tira la barca solo con la forza del vento.

L’ala del kite supporta le già impressionanti credenziali green dei SILENT 60. Il catamarano a energia solare trasporta 42 pannelli solari per 17 kWp di energia solare per azionare due motori elettrici fino a 2x340kw.

Con una capacità della batteria fino a 286 kWh, lo yacht può navigare in modo efficiente a zero emissioni esclusivamente con l’energia solare per un massimo di 100 miglia nautiche al giorno per settimane. Caratterizzato da una nuova forma dello scafo ad alte prestazioni con una linea di galleggiamento più lunga e una prua inversa, lo yacht ha una velocità di crociera di 6-8 nodi, ma può raggiungere fino a 20 nodi.

Le sistemazioni per gli ospiti comprendono quattro cabine ospiti sul ponte inferiore, inclusa una spaziosa suite armatoriale, ma sono disponibili altre soluzioni di layout. Ci sono numerose aree sociali a bordo, tra cui un arioso salone principale, un pozzetto di poppa, un flybridge e un’accogliente area di prua. Lo yacht ha anche un’altezza libera in tutto (fino a 2,32 m nel salone principale).

Primo tender elettrico SILENT ST400
Anche il primo SILENT Tender sarà in esposizione a Cannes.

Il modello ST400, il primo della gamma, è lungo 4 metri e le sue linee pulite sono costruite in fibra di carbonio. Può essere sollevato fuori dall’acqua e immagazzinato sulla piattaforma idraulica di poppa del SILENT 60 per poi essere ricaricato con l’energia solare pulita prodotta dallo yacht SILENT.

È disponibile con due diverse trasmissioni elettriche. L’opzione uno è un jet drive elettrico. In alternativa, l’ST400 può anche essere equipaggiato con un motore fuoribordo elettrico convenzionale fino a 30 kW. Entrambi i sistemi consentono una velocità massima superiore a 20 kn.

È già in programma un SILENT Tender più ampio.

“Sono immensamente orgoglioso di ciò che SILENT-YACHTS ha ottenuto nel corso degli anni e il primo SILENT Tender 400 è solo l’ultima innovazione nel nostro viaggio verso la sostenibilità”, afferma Michael Köhler, fondatore e CEO di SILENT-YACHTS. “Dopo aver iniziato con la ricerca sulla tecnologia degli yacht solari, ci siamo evoluti e ampliati sia le nostre linee di prodotti che lo spazio di produzione. Ma rimaniamo fedeli alle nostre radici di sfruttare la nuova tecnologia e l’energia pulita per promuovere la sostenibilità“.

Di Rita Caridi

Nata a Reggio Calabria il 18 giugno 1990 ama tutti gli sport, con un focus particolare sui motori e la pallacanestro. Scrive su SportFair dal 2015