Il racconto shock di Danilo Petrucci: “sono caduto a 280km/h, nessuno mi ha aiutato” | FOTO

Danilo Petrucci racconta la terribile caduta in MotoAmerica: nessuno ha soccorso il ternano

/
SportFair

Avventura davvero spiacevole per Danilo Petrucci in MotoAmerica. Il ternano della Ducati. Petrucci, che ha chiuso con un ottimo terzo posto Gara-2 al VIR, è stato coinvolto poi in un brutto incidente dopo la bandiera a scacchi.

Il Petrux è stato spinto da Scholtz, suo rivale nella lotta per il secondo posto, ed è finito rovinosamente a terra. Una terribile caduta a 280km orari, a seguito della quale Petrucci, leader della classifica generale, non ha ricevuto soccorsi e ha dovuto fare da sè.

Solo per informarvi, sono caduto a 280 km/h sulla linea del traguardo che è su un curvone di sesta piena per evitare un mio avversario. Ho buttato giù tre pannelli pubblicitari, ho diverse bruciature e ematomi e un profondo taglio alla caviglia con cinque punti. Ho rotolato per oltre cento metri, una delle più brutte cadute della mia carriera. Sono stato più di due minuti sdraiato a terra col rumore delle moto che passavano a fianco senza che nessuno mi aiutasse, fino a quando da solo mi sono alzato e sono andato a piedi al centro medico“, questo il racconto di Petrucci sui social a corredo di alcune foto che mostrano le ferite della sua caduta.