Kamila Valieva nella storia delle Olimpiadi invernali a soli 15 anni: è la quarta donna a realizzare un triplo axel [VIDEO]

Kamila Valieva nella storia! La giovane russa è la quarta donna ad eseguire un triplo axel ai Giochi Olimpici invernali

  • Foto di Fazry Ismail / EPA / Ansa
    Foto di Fazry Ismail / EPA / Ansa
  • FAZRY ISMAIL
    FAZRY ISMAIL
  • Foto di Fazry Ismail / EPA / Ansa
    Foto di Fazry Ismail / EPA / Ansa
  • Foto di Fazry Ismail / EPA / Ansa
    Foto di Fazry Ismail / EPA / Ansa
/
SportFair

Le Olimpiadi di Pechino stanno regalando intense emozioni! L’Italia è partita subito alla grande, conquistando già 3 medaglie in due giorni: gli azzurri promettono bene!

A regalare emozioni e spettacolo, però, in questi giorni, sono stati anche gli atleti stranieri: impossibile non menzionare una giovanissima del pattinaggio su ghiaccio. Kamila Valieva ha fatto il suo debutto olimpico col botto, a soli 15 anni, con una prestazione impeccabile1

Al Capital Indoor Stadium, la giovane russa ha realizzato una delle esibizioni più straordinarie della storia del pattinaggio artistico olimpico nel programma corto.

Salti complicatissimi, estensione sorprendente di gamba e braccia e tanto altro: Valieva ha il controllo totale mentre vola sul ghiaccio. La giovane, appena 15enne, ha subito dimostrato di che pasta è fatta: ha eseguito un triplo axel con le mani sopra la testa, il corpo perfettamente eretto e la punta puntata sulla gamba libera dopo l’atterraggio. Un triplo flip con tre voti massimi (+5) per il grado di esecuzione, combinazione triplo lutz-triplo toe loop, tre giri e una sequenza di giochi di gambe di una precisione impressionante.

Kamila Valieva ha fatto tutto con estrema grazia, facendo sembrare tutto semplicissimo, chiudendo la sua prestazione col punteggio di 90,18, il secondo punteggio più alto nella storia del programma corto, al primo posto.

Valieva è la quarta donna ad aver ottenuto un triplo axel alle Olimpiadi, dopo Midori Ito (1992) e Mao Asada (2010 e 2014) del Giappone e Mirai Nagasu (2018) degli Stati Uniti.

Avevo così tanta adrenalina alla fine di questo programma. Pattino per mia nonna, che è morta, quindi è stata quella sensazione a prendermi alla fine“, ha dichiarato al giornalista della NBC Andrea Joyce.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da 🙂 (@figure_skating_fp)