L’ex amante cubana di Maradona lancia pesanti accuse: “mi violentò e mi dava cocaina”

La 37enne cubana Mavys Alvarez Rego ha lanciato pesanti accuse nei confronti di Diego Armando Maradona

  • Foto di Juan Ignacio Roncoroni / Ansa
    Foto di Juan Ignacio Roncoroni / Ansa
  • Foto di Juan Ignacio Roncoroni / Ansa
    Foto di Juan Ignacio Roncoroni / Ansa
  • Foto di Juan Ignacio Roncoroni / Ansa
    Foto di Juan Ignacio Roncoroni / Ansa
  • Foto di Juan Ignacio Roncoroni / Ansa
    Foto di Juan Ignacio Roncoroni / Ansa
  • Foto di Juan Ignacio Roncoroni / Ansa
    Foto di Juan Ignacio Roncoroni / Ansa
/
SportFair

E’ quasi trascorso un anno dalla morte di Diego Armando Maradona. Continuano ad arrivare aggiornamenti sull’ex Pibe de Oro, secondo quanto riportato dall’Argentina l’ex calciatore sarebbe stato sepolto senza il cuore.

Nel corso della sua vita Maradona ha avuto tante relazioni amorose, la 37enne cubana Mavys Alvarez Rego ha lanciato pesanti accuse: “è duro essere nel suo paese, vedere che sta dappertutto, e che è un idolo, e allo stesso tempo avvertire dentro se stessi che di lui si ha un bruttissimo ricordo come persona”, ha detto in conferenza stampa a Buenos Aires scortata dai suoi avvocati Gaston Marano e Marcela Carmen Scotti.

Poi le pesanti accuse nei confronti dell’ex Pibe de Oro: “in quel periodo ho finito di essere una ragazzina, e ho dovuto bruciare le tappe della vita. Di colpo sono diventata donna e mi hanno rubato l’innocenza che avevo. Avevo 16 anni, già bevevo e mi drogavo”. Su Maradona: “lui mi conquistò con delle frasi e con i fiori, poi dopo qualche mese cominciò a cambiare tutto e io lo amavo e allo stesso tempo lo odiavo. Arrivai a pensare al suicidio, mi offriva costantemente cocaina”. 

“Una volta mia madre bussò alla porta ma Diego non la fece entrare, mi mise una mano sulla bocca e mi violentò”.