Chi è Massimo Stano? Dalla Puglia con furore! La fede musulmana per sposare la sua Fatima e la nascita della piccola Sophie, tutto sul nuovo campione olimpico della 20 km di marcia [FOTO]

Il matrimonio con la sua Fatima e la nascita della piccola Sophie solo 6 mesi fa: chi è Massimo Stano, l'azzurro che ha vinto la 20 km di marcia alle Olimpiadi di Tokyo

  • Foto Ansa
    Foto Ansa
  • Foto di Kimimasa Mayama / Ansa
    Foto di Kimimasa Mayama / Ansa
  • Foto di Kimimasa Mayama / Ansa
    Foto di Kimimasa Mayama / Ansa
  • Foto di Kimimasa Mayama / Ansa
    Foto di Kimimasa Mayama / Ansa
  • Foto di Kimimasa Mayama / Ansa
    Foto di Kimimasa Mayama / Ansa
  • Foto di Kimimasa Mayama / Ansa
    Foto di Kimimasa Mayama / Ansa
  • Foto di Kimimasa Mayama / Ansa
    Foto di Kimimasa Mayama / Ansa
  • Foto di Kimimasa Mayama / Ansa
    Foto di Kimimasa Mayama / Ansa
/
SportFair

Sventola alto il tricolore in Giappone, nello specifico a Sapporo, dove oggi Massimo Stano ha vinto la 20 km di marcia delle Olimpiadi di Tokyo. Il pugliese ha sbaragliato la concorrenza, lasciandosi alle spalle i padroni di casa giapponesi e portando a casa una spettacolare medaglia d’oro.

Chi è Massimo Stano?

Non tutti, però conoscono Massimo Stano. Nato il 27 febbraio 1992 a Palo del Colle, in Puglia, è un marciatore italiano, primatista nazionale della 20 km di marcia.

Quella di Tokyo 2020 è la prima Olimpiade del pugliese, che finora aveva conquistato una vittoria nei campionati italiani a Roma nel 2018 e un argento europeo U23 a Tampere, nel 2019.

Massimo che fa parte del Gruppo Fiamme Oro della Polizia di Stato, grazie al quale è riuscito a fare il salto di qualità, è cresciuto atleticamente parlando a Molfetta, ma successivamente si è trasferito in provincia di Milano.

Massimo si è fidanzato nel 2010 con Fatima Lofti, sposata poi nel 2016, solo dopo aver abbracciato la fede musulmana, viste le origini marocchine della moglie, cresciuta a Varese.

I due sono diventati genitori della piccola Sophie lo scorso febbraio e proprio a lei ha dedicato il successo di oggi alle Olimpiadi di Tokyo, esultando portandosi il pollice in bocca. Massimo è un grande appassionato della cultura giapponese e per questo motivo ha deciso di omaggiare i suoi rivali, al termine della corsa, con un inchino.