Sirena 88, il modello di punta si fa sempre più comodo e lussuoso [FOTO]

Sirena Yachts consegna gli scafi #3 e #4 nella sua serie di punta da 88 piedi. Il modello di punta diventa più comodo e abitabile per lunghi periodi

  • Credits Pozitif Studyo
    Credits Pozitif Studyo
  • Credits Pozitif Studyo
    Credits Pozitif Studyo
  • Credits Pozitif Studyo
    Credits Pozitif Studyo
  • Credits Pozitif Studyo
    Credits Pozitif Studyo
  • Credits Pozitif Studyo
    Credits Pozitif Studyo
  • Credits Pozitif Studyo
    Credits Pozitif Studyo
  • Credits Pozitif Studyo
    Credits Pozitif Studyo
  • Credits Pozitif Studyo
    Credits Pozitif Studyo
  • Credits Pozitif Studyo
    Credits Pozitif Studyo
  • Credits Pozitif Studyo
    Credits Pozitif Studyo
  • Credits Pozitif Studyo
    Credits Pozitif Studyo
  • Credits Pozitif Studyo
    Credits Pozitif Studyo
  • Credits Pozitif Studyo
    Credits Pozitif Studyo
  • Credits Pozitif Studyo
    Credits Pozitif Studyo
  • Credits Pozitif Studyo
    Credits Pozitif Studyo
  • Credits Pozitif Studyo
    Credits Pozitif Studyo
  • Credits Pozitif Studyo
    Credits Pozitif Studyo
/
SportFair

Con i suoi 26,81 metri di lunghezza, con una capienza fino a 10 ospiti, il Sirena 88 è il modello più grande del marchio turco con architettura navale di German Frers e interior design di Cor D. Rover. Lo scafo n. 3 è stato consegnato ad un armatore canadese e lo scafo n. 4 in Spagna.

Siamo conosciuti per il nostro alto livello di personalizzazione, ma questo è particolarmente il caso del Sirena 88, che consideriamo un passo nel territorio dei superyacht ed è principalmente costruito secondo le specifiche dei clienti“, afferma Ali Onger, Chief Commercial Ufficiale presso Sirena Marine. “È quanto di più vicino a una costruzione personalizzata si possa ottenere in una barca di serie.

Lo scafo n. 3 è un esempio calzante. Il suo armatore canadese vive a bordo fino a sette mesi all’anno in crociera alle Bahamas e ai Caraibi, il che significava che aveva alcune richieste tecniche e di stile di vita molto specifiche.

Tutto, dai motori, generatori e sistemi di stabilizzazione alle impiallacciature, finiture, arredi morbidi e persino le cerniere delle porte sono stati selezionati in base alle rigorose esigenze del proprietario“, afferma Constantinos Constantinou, Direttore delle vendite nordamericane. “A differenza di altri costruttori di produzione che riservano questo tipo di approccio su misura per yacht di 100 piedi e oltre, ci piace offrire ai nostri clienti una vera esperienza da superyacht non solo in termini di dimensioni ma anche di personalizzazione”.

Ad esempio, per motivi di ridondanza, lo yacht è dotato sia di pinne di stabilizzazione che di giroscopio Seakeeper; tutte le pompe sono state raddoppiate per lo stesso motivo; la capacità idraulica è stata aumentata per ospitare eliche di poppa e prua più grandi; e la sala macchine è climatizzata. Inoltre, è stato aggiunto un serbatoio di carburante extra per aumentare l’autonomia di crociera da 10 nodi a oltre 4.000 miglia nautiche.

L’avanzata architettura navale di German Frers è esaltata dalla costruzione ad infusione di resina high-tech e dall’uso generoso della fibra di carbonio per ridurre il peso e ottimizzare i baricentri verticali e longitudinali. Il Sirena 88 si comporta sia a velocità di planata che di spostamento comodamente ed economicamente.

Gli interni del Sirena 88 del designer olandese Cor D Rover si basano su un’atmosfera calda e invitante che ti fa sentire a casa, ma offre anche una sensazione esclusiva di divertimento rilassato con materiali di alta qualità, tessuti lussuosi e morbidi tappeti in tonalità naturali con accenti di colori accesi.

In termini di comfort a bordo, l’armatore ha scelto il layout standard a 5 cabine, ma ha inoltre richiesto un’unità bar personalizzata nel salone principale completa di wine cooler dedicati e un’altra unità bar/cucina sul fly deck che include un barbecue Wolf.

Otto unità della Sirena 88 sono state vendute fino ad oggi e altre sono in trattativa“, afferma Ali Onger. “Come altri costruttori di barche, abbiamo visto alcuni ritardi di produzione iniziali a causa di Covid-19, per lo più associati alle difficoltà incontrate dai fornitori, ma questo è stato più che compensato dall’aumento delle richieste dall’inizio della pandemia“.