Chi è Reilly Opelka? Il gigante del tennis amante di moda, arte e cibo che lotta con disturbi del sonno

Reilly Opelka, la passione per la moda ed i disturbi del sonno: chi è il giovane statunitense che ha staccato il pass per le semifinali degli Internazionali d'Italia

  • Foto di Ettore Ferrari/ Ansa
    Foto di Ettore Ferrari/ Ansa
  • Foto di Ettore Ferrari/ Ansa
    Foto di Ettore Ferrari/ Ansa
  • Foto di Ettore Ferrari/ Ansa
    Foto di Ettore Ferrari/ Ansa
  • Foto di Ettore Ferrari/ Ansa
    Foto di Ettore Ferrari/ Ansa
  • Foto di Ettore Ferrari/ Ansa
    Foto di Ettore Ferrari/ Ansa
  • Foto di Ettore Ferrari/ Ansa
    Foto di Ettore Ferrari/ Ansa
  • Foto di Ettore Ferrari/ Ansa
    Foto di Ettore Ferrari/ Ansa
/

E’ Reilly Opelka il primo semifinalista degli Internazionali d’Italia 2021. Lo statunitense classe 1997 raggiunge così la sua prima semifinale in un Masters 1000, grazie alla vittoria su Delbonis in due set.

Un percorso impeccabile quello del gigante statunitense, che non ha ancora perso un set a Roma, così come non ha mai perso il servizio. Per lui solo 4 doppi falli in tutto il suo torneo nella Capitale e ben 77 ace.

Chi è Reilly Opelka

Non tutti però conosco bene il giovane statunitense di 211 centimetri che a Roma sta regalando spettacolo, giocando un ottimo tennis. Reilly, figlio di papà George e mamma Lynne, ha una sorella, Brenna e ha iniziato a giocare a tennis a 6 anni. E’ cresciuto sotto la tutela dell’ex professionista ATP Tom Gullikson a Palm Coast, Florida, USA. e la sua superficie preferita è la terra battuta, mentre i tornei che ama maggiormente sono gli US Open ed il torneo ATP di Houston.

reilly opelkaE’ cresciuto con gli idoli di Del Potro e dell’ex stella NBA Tracy McGrady. Gli piace giocare a basket e i suoi cestiti, ancora in attività, preferiti sono Butler e Westbrook.

Nella sua carriera ha dovuto fare i conti con degli infortuni al piede e alla schiena, ma anche con la mononucleosi, che nel 2018 lo ha tenuto lontano dai campi per 5 settimane. Per quanto riguarda gli aspetti sportivi, invece, Opelka ha entrato nella top 40 ad ottobre del 2019 per la prima volta. Ha vinto il suo primo titolo ATP a New York nel 2019. Da ragazzino è arrivato ad essere il numero 4 del ranking Mondiale Juniores dopo aver vinto il titolo di Wimbledon nel 2015.

La passione per l’arte e per la moda

reilly opelkaReilly Opelka è appassionato di arte e moda. Ama frequentare gallerie d’arte e sfilate di moda e sogna un futuro nel mondo della moda dopo la sua carriera nel tennis. Nei suoi viaggi in giro per il mondo per i vari eventi dell’ATP Tour, Opelka non rinuncia mai alle sue passioni: il 23enne statunitense ha sempre gli occhi puntati sulla monda, che sia a Tokyo, per lui “la capitale della moda maschile” o a New York, dove ama partecipare alle sfilate di moda.

reilly opelkaAma così tanto questo mondo che il suo sogno è quello di incontrare un giorno Anna Wintour, direttore di Vogue, che spesso frequenta il mondo del tennis.

Una passione talmente forte che spinge Opelka anche a decisioni e gesti ‘folli’. A New York, nel 2019, quando vinse il suo primo titolo ATP, la sera si recava a Manhattan per seguire degli eventi della New York Fashion Week.

reilly opelkaAnche a Roma, prima di entrare nella bolla degli Internazionali si è ritagliato la sua piccola parentesi artistica: “mi sono allenato e sono andato in alcuni musei d’arte e gallerie d’arte. In realtà sono andato con Venus Williams al Museo Borghese“, ha raccontato Opelka. “A Madrid, quando ho perso, sono andato al Museo del Prado, che era probabilmente il più grande museo in cui sia mai stato. Questo era irreale“, ha aggiunto.

reilly opelkaMa non finisce qui: due anni fa a Basilea, Opelka avrebbe dovuto sfidare Roberto Bautista Agut nei quarti di finale, ma un amico musicista della Florida, Blackbear, si stava esibendo in un concerto a un’ora e mezza di distanza. L’americano è andato al concerto, ma non c’erano taxi per tornare a Basilea a tarda ora. Così ha pernottato in un albergo locale, si è svegliato, ha fatto colazione, è tornato a Basilea, e ha sconfitto in tre set Bautista Agut.

LEGGI ANCHE: Colori tenui e stampa tie-dye: tutti pazzi per l’outfit del gigante Opelka agli Internazionali d’Italia [FOTO]

La passione per il cibo

reilly opelkaNon solo moda e arte, Opelka è anche un buongustaio: lo statunitense ama  anche il cibo di alta qualità. Talmente tanto da non farsi particolari problemi prima di un match di tennis. “Ci sono state alcune partite in cui penso che la maggior parte dei ragazzi si sarebbe stressato per alcune situazioni in cui mi sono messo“, ha detto Opelka. “Sono stato in alcuni ristoranti prima delle grandi partite con un menu di degustazione di portate con del cibo strano, ho solo provato cose diverse che probabilmente non avrei dovuto fare prima di una partita. Normalmente non lo faccio“.

I problemi del sonno

reilly opelkaIl giovane statunitense combatte poi ogni giorno con problemi del sonno. Opelka, infatti, non dorme molto e bene la notte, tanto da dover monitorare il suo sonno con un braccialetto. “Posso stare nella mia camera d’albergo e non avere programmi e non mi addormento prima dell’una di notte. Mi sveglio alle 6, senza sveglia, completamente sveglio. Indosso un anello per monitorare il mio sonno perché è davvero pessimo … ma la scorsa notte ho dormito 56 minuti”, ha raccontato Opelka che poi ha sconfitto Karatsev in due set, assicurandosi un posto nei quarti di finale di oggi.

Il Covid

Opelka ha attraversato un periodo difficile a causa della positività al Covid. Ma è riuscito ad approfittare del tempo in cui è stato costretto ad allontanarsi dalla sua normale routine di allenamento per dedicarsi un po’ di relax e riposo. “Ho resettato completamente, cosa che dovevo fare. Ho potuto dedicare un po ‘di tempo all’allenamento, mi sono sentito riposato. A Madrid ero ancora arrugginito … ma sono ancora contento di esserci andato perché mi ha messo abbastanza a mio agio per questa settimana. Ora mi sento a mio agio e ho un po ‘di fiducia in me“.

Il coronavirus adesso è solo un vecchio ricordo per Opelka che è completamente guarito e sta infuocando il Foro Italico di Roma.