Aggressiva e affascinante, Aston Martin presenta la nuova Safety Car: un gioiellino che lascia senza fiato

Aston Martin ha presentato la nuova Safety Car di Formula 1, un gioiellino tutto da ammirare che affiancherà Mercedes durante la stagione 2021

  • Foto sito Aston Martin
    Foto sito Aston Martin
  • Foto sito Aston Martin
    Foto sito Aston Martin
  • Foto sito Aston Martin
    Foto sito Aston Martin
  • Foto sito Aston Martin
    Foto sito Aston Martin
  • Foto sito Aston Martin
    Foto sito Aston Martin
  • Foto sito Aston Martin
    Foto sito Aston Martin
/

Quando l’Aston Martin farà il suo ritorno nel Mondiale di Formula Uno alla fine del mese di marzo, sarà con più di due contendenti al Gran Premio sulla griglia del Gran Premio del Bahrain. Per la prima volta nella storia di questo sport, le Safety Car della Formula 1 porteranno anche le famose ali del marchio di lusso britannico. La Safety Car imita l’AMR21 dell’Aston Martin Cognizant Formula One ™ Team con un colore di vernice completamente nuovo, l’Aston Martin Racing Green 2021, che è stato sviluppato appositamente per celebrare il ritorno delle marche in Formula 1 dopo oltre 60 anni.

LEGGI ANCHE: Motore Mercedes e una colorazione ‘trovata’ dopo 12 mesi: l’Aston Martin presenta la nuova AMR21 [GALLERY]

Livrea prominente

Un gessato Lime Essence evidenzia lo splitter anteriore; un colore sinonimo del pedigree delle corse di successo di Aston Martin, e più recentemente utilizzato sulla Vantage di grande successo che ha gareggiato nel FIA World Endurance Championship (WEC). La Formula One Safety Car si distingue per la sua prominente livrea FIA Safety Car, le antenne radio montate sul lato del corpo, una targa posteriore a LED e una barra luminosa a LED montata sul tetto, sviluppata da Aston Martin. Come la safety car, l’auto medica si distingue per la sua vernice 2021 Aston Martin Racing Green con accenti verde lime, così come per la prominente livrea FIA per auto mediche, targa posteriore a LED e barra luminosa a LED montata sul tetto che si trova sul tetto.

Gli interni

La Safety Car della Formula 1 deve trasportare una notevole quantità di attrezzature tra cui una grande borsa medica, un defibrillatore, due estintori e un kit per ustioni: il DBX è dotato di 632 litri di spazio nel bagagliaio. Mentre il rivestimento interno è perfettamente rappresentativo di un veicolo del cliente, il sedile posteriore centrale è stato rimosso e gli altri quattro sono stati sostituiti con sedili sportivi a guscio, ciascuno dotato di un’imbracatura di sicurezza a 6 punti. Questi forniscono posti a sedere per il pilota, Alan van der Merwe e il dottor Ian Roberts – il coordinatore della risposta medica di Formula 1 della FIA, nonché un medico locale, lasciandone uno di riserva, nel caso in cui un incidente richieda che un pilota da corsa venga ricondotto ai box.

Schermi

Proprio come la safety car, due schermi sono stati montati sul cruscotto per fornire filmati di gara dal vivo. Una schermata aggiuntiva viene utilizzata per leggere i dati biometrici in tempo reale forniti tramite tecnologia nei guanti dei conducenti, che in caso di incidente fornisce informazioni critiche sulle loro condizioni. Nell’auto medica sono stati installati anche il “Marshalling System” e il display della telecamera dello specchietto retrovisore. Lo sviluppo sia di queste Safety Car ufficiali di Formula Uno che di Medical Car ufficiale di Formula 1 è stato effettuato dal team di ingegneri dell’Aston Martin.

Test

Entrambi i veicoli hanno subito test significativi, che includevano valutazioni di durata ad alta velocità e guida aggressiva sul circuito presso l’impianto Aston Martin di Silverstone, totalizzando quasi 15.000 km complessivamente. I veicoli sono stati anche testati in una camera climatica al banco per garantire che funzioneranno in tutte le condizioni di gara.