Torun 2021, l’Italia ha già vinto: da Luminosa Bogliolo a Gaia Sabbatini, le più belle degli Europei di atletica sono le azzurre [FOTO]

Con una squadra così l'Italia ha già vinto: le azzurre per Torun 2021 sfidano le rivali a colpi di bellezza, non c'è gara!

  • Luminosa Bogliolo
    Luminosa Bogliolo
  • Rebecca Borga
    Rebecca Borga
  • Gaia Sabbatini
    Gaia Sabbatini
  • Elisa Di Lazzaro
    Elisa Di Lazzaro
  • Vittoria Fontana
    Vittoria Fontana
  • Foto di Srdjan Suki / Ansa - Luminosa Bogliolo
    Foto di Srdjan Suki / Ansa - Luminosa Bogliolo
  • Rebecca Borga
    Rebecca Borga
  • Gaia Sabbatini
    Gaia Sabbatini
  • Elisa Di Lazzaro
    Elisa Di Lazzaro
  • Vittoria Fontana
    Vittoria Fontana
  • Foto di Paolo Salmoirago/ Ansa - Luminosa Bogliolo
    Foto di Paolo Salmoirago/ Ansa - Luminosa Bogliolo
  • Rebecca Borga
    Rebecca Borga
  • Elisa Di Lazzaro
    Elisa Di Lazzaro
  • Gaia Sabbatini
    Gaia Sabbatini
  • Vittoria Fontana
    Vittoria Fontana
  • Rebecca Borga
    Rebecca Borga
  • Gaia Sabbatini
    Gaia Sabbatini
  • Elisa Di Lazzaro
    Elisa Di Lazzaro
  • Vittoria Fontana
    Vittoria Fontana
  • Rebecca Borga
    Rebecca Borga
  • Gaia Sabbatini
    Gaia Sabbatini
  • Rebecca Borga
    Rebecca Borga
/

Il conto alla rovescia sta per terminare: il 4 marzo iniziano gli Europei di atletica leggera indoor di Torun 2021. In Polonia non mancherà lo spettacolo, con atleti da tutt’Europa a sfidarsi nelle varie discipline a caccia del podio e delle medaglie più preziose.

L’Italia arriva alla rassegna continentale con un bel team che può regalare soddisfazioni. Intanto, però, in attesa delle sfide sulla pista polacca, l’Italia vince già un primo riconoscimento davvero importante: le azzurre della Nazionale italiana si aggiudicano il ‘trofeo di bellezza’. A Torun 2021 siamo certi che l’Italia non passerà inosservata, speriamo in primis per le prestazioni atletiche, ma per quanto riguarda la bellezza, non abbiamo proprio rivali.

A Torun l’Italia arriva con un team degno delle finaliste di Miss Italia: Vittoria Fontana, Rebecca Borga, Gaia Sabbatini, Elisa Di Lazzaro e Luminosa Bogliolo.

Osservando i loro profili social qualcuno potrebbe essere confuso, in alcuni casi sembra guardare modelle o attrici, ma in realtà si tratta proprio di giovani atlete! Nel 2020 ormai, come insegna LeBron James gli atleti non sono solo tali. “More than an athlete”: le ragazze azzurre vantano diverse collaborazioni con prestigiosi brand, come adidas, puma o nike, sfoggiano i loro outfit migliori e la loro bellezza, perchè, chi ha detto che una sportiva deve rinunciare alla sua femminilità? Un esempio perfetto per tutte le giovanissime che vogliono avvicinarsi al mondo dello sport ma hanno paura di diventare troppo mascoline e dover rinunciare alle passioni extra sportive: le azzurre le coltivano tutte, tra sforzi e sacrifici sicuramente, ma non rinunciano ad un po’ di make up o ad una perfetta piega, proseguono gli studi e sono sexy da far invidia agli ‘angeli’ di Victoria’s Secrets.

Vittoria Fontana

Giovanissima, classe 2000, Vittoria Fontana, dei Carabinieri, è una sprinter e quando non si allena e non gareggia ama leggere libri gialli e studia criminologia.Nata a Gallarate, Vittoria si è avvicinata all’atletica nel 2014, grazie a Beppe Cappelletti e Sandro Torno, suo insegnante alle scuole medie. Sportivissima, prima di innamorarsi dell’atletica ha praticato pallavolo, scherma, equitazion e ginnastica artistica. Nel 2018 c’è stato il salto di qualità, che le ha regalato la convocazione in azzurro con la Nazionale U23 per i Campionati del Mediterraneo, dove ha stabilito il record italiano con la 4×100. Gli anni seguenti sono stati tutti un crescendo, col raggiungimento del record di 11.40 prima di doversi fermare per una frattura allo scafoide sinistro. Con costanza, allenamento, coraggio e tenacia si è rimessa presto in sesto tornando a sfrecciare in pista. Vittoria eredita la passione per l’atletica dal padre Dario che da ragazzo è stato un velocista.

Carriera sportiva:
2020
Argento ai campionati italiani U23 200m – Grosseto
2019
Oro campionati italiani Juniores  Indoor 60 mt. – Ancona
Oro campionati italiani Juniores Outdoor 100 mt. – Rieti
Oro campionati europei Juniores Outdoor 100 mt – Boras (Svezia) dove ha stabilito il
2018
Argento campionati del mediterraneo U23 staffetta 4X100 – Jesolo dove hanno stabilito il record italiano U20

Rebecca Borga

Classe ’98, Rebecca Borga è nata a Treviso e ha scoperto l’atletica a nove anni, assistendo ad un allenamento mentre guardava una partita di calcio del fratello. Prima di scoprire la sua vocazione è stata una ginnasta della ritmica. E’ riuscita a distinguersi sin da subito come velocista: il giro di pista è la sua distanza, all’inizio anche con le barriere provate soprattutto da allieva. Col passare degli anni è riuscita a fare progressi davvero importanti, ottenendo il record nazionale di categoria nella 4×400.

In gara usa sempre lo stesso elastico per scaramanzia e la sua atleta modello è Allyson Felix.

Gaia Sabbatini

Classe ’99, Gaia Sabbatini farà il suo esordio in azzurro agli Europei di Torun 2021.Nata a Teramo, Gaia sarà impegnata sui 1500 e la sua convocazione arriva dopo un crescendo di prestazioni e risultati: ha vinto 12 titoli italiani, due assoluti e 10 tra U20 e U23, vanta un primato personale all’aperto di 4’11”27 e 4’13”62 indoor.

Elisa Maria Di Lazzaro

Classe ’98, nata a Trieste, Elisa prima di scoprire l’atletica ha praticato danza, tennis e nuoto. Trasferitasi a Fidenza per motivi familiari, un nuovo allenatore è riuscito a valorizzare le sue doti facendola crescere sempre più nelle prestazioni e nei risultati. Un infortunio al piede nel 2016 l’ha messa davanti ad una dura prova, ma nel 2017 è riuscita ad ‘esplodere’ ottenendo tre record italiani juniores indoor fino a 8.22 sui 60hs e poi quello dei 100hs all’aperto con 13.24. Dopo il liceo classico, ha intrapreso gli studi universitari in psicologia. Come la collega Vittoria Fontana, aspira a diventare criminologa, e ama i film thriller.

Luminosa Bogliolo

Classe ’95, nata ad Albenga, Luminosa è la ‘veterana’ del gruppo. Anche lei, prima di innamorarsi dell’atletica ha conosciuto tanti altri sport, praticando karate, ginnastica, danza e etennis, ma anche sci alpino a livello agonistico. Solo dopo aver vinto una gara scolastica alle medie è scattata la scintilla per l’atletica leggera. Nel 2016 ha vinto a sorpresa il titolo italiano under 23 sui 100 ostacoli, allenandosi non più di un paio di volte a settimana, e soltanto da allora ha iniziato a intensificare la preparazione.Nel 2018 e 2019 si è migliorata sempre più, sfiorando il primato nazionale con 12.78.

Studia medicina veterinaria a Collegno, seguendo le orme di papà Valentino, ex calciatore che adesso esercita la professione di veterinario.