Ruggito Ferrari e novità nascoste, l’Alfa Romeo Racing presenta la nuova C41: nata per stupire

L'Alfa Romeo Racing ha presentato la nuova C41 affidata a Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi, una monoposto che dovrà riscattare il pessimo 2020

  • Foto sito Alfa Romeo
    Foto sito Alfa Romeo
  • Foto sito Alfa Romeo
    Foto sito Alfa Romeo
  • Foto sito Alfa Romeo
    Foto sito Alfa Romeo
  • Foto sito Alfa Romeo
    Foto sito Alfa Romeo
  • Foto sito Alfa Romeo
    Foto sito Alfa Romeo
  • Foto sito Alfa Romeo
    Foto sito Alfa Romeo
  • Foto sito Alfa Romeo
    Foto sito Alfa Romeo
  • Foto sito Alfa Romeo
    Foto sito Alfa Romeo
/
SportFair

Giù i veli dalla C41, l’Alfa Romeo Racing ha presentato la nuova monoposto per il Mondiale 2021 di Formula 1. Riflettori accesi sull’erede della C39, mostrata al mondo nel corso di una cerimonia tenutasi a Varsavia, per omaggiare il title-sponsor Orlen. Affascinante e sensuale, la nuova Alfa Romeo Racing affidata a Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi avrà il compito di riscattare l’amaro 2020, caratterizzato da pochi alti e molti bassi.

La nuova C41

Foto sito Alfa Romeo

Caratterizzata da una nuova combinazione di colori, disegnata dal Centro Stile dell’Alfa Romeo e caratterizzata dagli ormai tradizionali colori rosso e bianco del team, la vettura, progettata sotto il coordinamento del Direttore Tecnico Jan Monchaux, rappresenta un’evoluzione della C39 che ha gareggiato nel 2020. A causa dei vincoli imposti dal regolamento, la vettura possiede molti dei componenti dell’auto precedente, pur colpendo per il suo aspetto rinnovato, in particolare per quanto riguarda il muso, area su cui il team ha scelto di concentrare i suoi token di sviluppo. Sotto la carrozzeria, è nascosto un nuovo motore Ferrari, pronto a ruggire tra meno di una settimana, quando venerdì il team intraprenderà una nuova stagione con lo shakedown del C41 a Barcellona.

La livrea e gli sponsor

Foto sito Alfa Romeo

Il logo del partner Co-Title, ORLEN, resta sulla carrozzeria, mantenendo la sua posizione sui fianchetti, sull’Halo e sull’ala posteriore. Lo stemma Alfa Romeo, caratterizzato dalla croce e dal serpente Visconti, è affiancato dal Quadrifoglio, tradizionalmente associato alle corse dell’Alfa Romeo, e dal logo dell’Autodelta, leggendario reparto gare del marchio. Tutti questi stemmi contribuiscono alla creazione di una delle vetture più affascinanti della griglia: caratterizzata da un design classico che incarna la passione e la tradizione delle marche che rappresenta.

Lo shakedown

Foto sito Alfa Romeo

Dopo aver svelato la sua ultima creazione, l’attenzione del team passa ora allo shakedown della vettura e ai tre giorni cruciali di test pre-stagionali nel deserto di Sakhir (12-14 marzo). La sessione di test ridotta di quest’anno in Bahrain rappresenterà l’unica possibilità per il team di mettere a punto il suo prodotto in vista del Gran Premio del Bahrain di apertura della stagione.

Le parole di Giovinazzi

Le sensazioni di Antonio Giovinazzi dopo l’unveiling della C41: “ogni volta che un pilota vede la nuova macchina si esalta. Penso sia la vettura più bella del mio triennio, spero sia anche la più veloce. Stiamo aspettando la data dei primi test, dove guideremo la macchina per la prima volta: speriamo sia l’inizio di una stagione soddisfacente. Solo tre giorni di test? Sì, è difficile ma è uguale per tutti. Noi siamo con la stessa formazione degli anni scorsi, spero che in quei giorni di test possiamo fare un buon numero di giri e raccogliere una gran mole di dati per poter comparare la macchina con quelle degli anni scorsi e avere una base di lavoro in vista della prima gara”.

Le parole di Raikkonen

Felice e soddisfatto della nuova Alfa Romeo anche Raikkonen: “è sempre bello assistere all’unveiling di una nuova macchina. Siamo in un’area ancora buia, sconosciuta, visto che non la abbiamo ancora provata. Ci sono dei cambiamenti regolamentari che avranno un impatto. Spero che questa macchina ci porti in una posizione migliore rispetto a quella dell’anno scorso. Avremo qualche giorno di test tra due settimane, tra un mese ci sarà la prima gara e non sappiamo la nostra posizione in griglia. Ma faremo del nostro meglio per essere pronti