Terence Hill sculaccia Bud Spencer, la Juventus si prende la Supercoppa Italiana

Andrea Pirlo batte il suo grande amico Gennaro Gattuso e conquista la Supercoppa Italiana, decisivi per la Juventus i gol di Ronaldo e Morata

  • Marco Luzzani/Getty Images
    Marco Luzzani/Getty Images
  • Marco Luzzani/Getty Images
    Marco Luzzani/Getty Images
  • Marco Luzzani/Getty Images
    Marco Luzzani/Getty Images
  • Marco Luzzani/Getty Images
    Marco Luzzani/Getty Images
  • Claudio Villa/Getty Images
    Claudio Villa/Getty Images
  • Marco Luzzani/Getty Images
    Marco Luzzani/Getty Images
  • Claudio Villa/Getty Images
    Claudio Villa/Getty Images
  • Claudio Villa/Getty Images
    Claudio Villa/Getty Images
  • Claudio Villa/Getty Images
    Claudio Villa/Getty Images
/

‘Terence Hill’ Pirlo sculaccia ‘Bud Spencer’ Gattuso, finisce così al Mapei Stadium la finale di Supercoppa Italiana.

Marco Luzzani/Getty Images

La Juventus alza al cielo di trofeo davanti a un Napoli bello e sciupone, costretto a inchinarsi 2-0 dopo aver fallito un rigore con Insigne sul risultato di 1-0. Un errore pesante sull’economia dell’incontro, che invece sorride ad Andrea Pirlo che conquista così il suo primo trofeo da allenatore. Decisivi i gol di Ronaldo e Morata nella ripresa, che permettono alla Juventus di prendersi la Supercoppa Italiana.

Ronaldo e Szczesny

Claudio Villa/Getty Images

Due i protagonisti della serata di Reggio Emilia, da un lato Ronaldo che segna l’1-0 e sale a 760 gol in carriera, dall’altro Szczesny che salva due volte il risultato permettendo così alla Juventus di alzare al cielo la Supercoppa Italiana. Il portiere polacco respinge nel primo tempo la testata ravvicinata di Lozano, mentre nel recupero tira fuori dalla porta un tentativo di autogol di Chiellini. Fortunato invece sul rigore, con Insigne che lo calcia fuori graziandolo. Una serata speciale anche per Andrea Pirlo, che proprio davanti all’amico Gattuso si prende il primo trofeo da allenatore, rompendo il ghiaccio in vista del prosieguo di questa stagione.

Lacrime Insigne

Claudio Villa/Getty Images

Protagonista in negativo della serata invece non può che essere Lorenzo Insigne, colpevole di fallire a dieci minuti dalla fine il rigore dell’1-1. Si tratta del terzo errore dal dischetto per il capitano del Napoli sui tre rigori calciati contro la Juventus. Un disastro per lo scugnizzo napoletano, che affoga nelle lacrime di fine partita la sua delusione. Un duro colpo da assorbire in fretta, ricominciando a correre già dalla prossima gara di campionato, mettendosi alle spalle questa serata davvero storta.