/

Premiata celebra il sorriso e, attraverso le immagini di un inedito collage, invita tutti a pensare a un futuro positivo, dove leggerezza e serenità sostituiscono le preoccupazioni di un anno difficile. Il ritorno ad avere fiducia, la certezza che l’umanità possa reagire attraverso gli anticorpi del sorriso a ogni arduo ostacolo. Un messaggio che Premiata rinnova da tanti anni, attraverso racconti sulla diversity, sull’umanità che vive nelle zone più remote del mondo, nelle province, come nelle grandi metropoli, ora apparentemente più fragili. Una narrazione, voluta con energia dal fondatore ed art director del brand Graziano Mazza, diventata tradizione e che ha coinvolto negli anni uomini e donne di ogni genere, età e provenienza.

Sono loro, le persone, le protagoniste di questo progetto, basato sui ritagli delle campagne passate mixati tra loro in tanti collage, le cui pagine tra volti e sorrisi, ospitano messaggi di grandi uomini della nostra storia. A sottolinearne la forza le citazioni di personaggi che hanno lasciato un segno nella storia del mondo, da Pablo Picasso a Federico Fellini, da Martin Luther King a Fëdor Dostoevskij.

Le immagini richiamano gli Anni ’60 e ‘70, e la loro emozione di crescita e scoperta, ma risultano estremamente contemporanee nell’utilizzo di diverse forme d’arte mixate tra loro, come a significare che i valori positivi sono e devono essere la pietra miliare della nostra società, in ogni epoca. L’invito a guardare al futuro con speranza e ottimismo, attraverso l’energia e la creatività di veri e propri quadri pop, un vero e proprio manifesto della positività nato attraverso la maestria artigianale del creativo Leandro Emede, autore delle campagne del brand da diversi anni. Premiata accompagna l’utilizzo internazionale delle immagini con un’operazione di sensibilizzazione sul positive thinking che ha come protagonista una T-shirt in limited edition, disponibile su Premiata.it, uno strumento di consapevolezza della propria felicità, un invito a sorridere alla vita e a viverla come un dono, sempre, anche in questi momenti di difficoltà.